Articoli

François Truffaut, regista che narra l’eroismo dell’uomo comune.

François Truffaut, regista che narra l’eroismo dell’uomo comune. Intervista a Francesca Geria Francesca Geria ha iniziato la sua carriera scrivendo articoli di critica cinematografica sul Quotidiano di Messina (1995/96) e, in seguito, fino al 2011, sulla rivista on line Reporternews. Ha collaborato alla redazione del testo di letteratura Itinerari pubblicato dalla casa editrice Paravia curando la sezione concernente … Continue Reading »

Primo Amore

Carne e oro: il “rimodellamento” patologico dell’oggetto in “Primo Amore” di Matteo Garrone Maria Vittoria Costantini, Paola Golinelli L’intenso e drammatico film di Matteo Garrone “Primo amore” sembra bene esprimere ed evidenziare lo stretto rapporto tra cinema e psicoanalisi, rimarcandone alcune delle caratteristiche fondamentali sottolineate da Paola Golinelli in un recente lavoro (2004): “La condivisione … Continue Reading »

Le soluzioni della vergogna : This must be the place , Shame – Riefolo

Le soluzioni della vergogna  This must be the place (P. Sorrentino, 2011) {youtube}dooP04h7CBc{/youtube} Shame (S. McQueen, 2011) {youtube}F_UiFq_d1mY{/youtube} Giuseppe Riefolo   “solo gradualmente mi consegnò questi aspetti di se stesso per cui provava una profonda vergogna” (Ogden,2012,115)   i film. Cheyenne è una rock star, celebre negli anni ottanta come leader del gruppo musicale Cheyenne … Continue Reading »

Zeus tra hybris e tenerezza

di Stefano Bolognini (*) (* Presidente della Società Psicoanalitica Italiana, candidato alla Presidenza I.P.A.)   Il film Good-bye Mr. Zeus!  scritto e diretto da Carlo Sarti,  presenta diversi livelli di possibile lettura per uno psicoanalista, e spero mi scuserete se – pur non essendo un esperto del settore – mi permetto di aggirarmi all’interno di … Continue Reading »

“Ogni cosa è illuminata”: sulle tracce del passato

  LA RICERCA DELLE TRACCE DISPERSE DEL PASSATO: PERCHÉ?     Il 27 gennaio 2010 – anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz- il Centro Milanese di Psicoanalisi ha organizzato una celebrazione dal titolo “La ricerca delle tracce disperse del passato: perché?”. Pubblichiamo il programma; la presentazione  di Simonetta Diena; una breve cronaca … Continue Reading »

“Ogni cosa e’ illuminata”: contributi psicoanalitici alla Giornata della Memoria 2010

a cura di Stefania Nicasi.   Pensando alla Giornata della Memoria, il Centro Psicoanalitico di Firenze, in collaborazione con l’Istituto Stensen, ha organizzato un’edizione speciale della rassegna di cinema e psicoanalisi Buio in sala. Nel pomeriggio di sabato 23 gennaio è stato proiettato al cinema Auditorium Stensen il film Ogni cosa è illuminata . Alla proiezione … Continue Reading »

Appunti su “ogni cosa è illuminata”

    Fausto Petrella    (1) Ogni cosa è illuminata è un romanzo dello scrittore americano venticinquenne Jonathan Safran Foer, pubblicato nel 2002 e tradotto anche nella nostra lingua. Nel 2005 il film, con sceneggiatura e regia dell’esordiente Liev Schreiber, già noto al pubblico come attore. Un film, come abbiamo visto, di notevole finezza, e … Continue Reading »

Psicoanalisi, psicologia e cinema

E’ spesso nel buio delle sale cinematografiche che l’ideale schieramento di quelle forze della psiche chiamate affetti muta radicalmente il suo profilo.  Gli attori e le loro gesta evocano in noi  potenti emozioni; ma è la situazione cinematografica, in sé, che rende così influenti queste vicende immaginarie. Psicologicamente, lo schermo cinematografico, più del palcoscenico teatrale, … Continue Reading »