3° Conferenza EPCUS . Borders. Brussels, 4-6 ottobre 2018

Dal 04/10/2018 to 06/10/2018

Borders. Prospettive psicoanalitiche multiple.

3° European Psychoanalytic Conference for University Students ( EPCUS), 4-5 Ottobre 2018, Brussels

Dopo le due precedenti edizioni che hanno riscosso molto interesse e partecipazione, la Conferenza EPCUS di quest’anno ha scelto di mettere a tema la questione dei limiti, dei confini, affrontandola da una molteplicità di prospettive psicoanalitiche e discutendo sia di concetti teorici che di esperienze cliniche.

Limiti e/o confini sono essenziali nelle nostre esistenze individuali, nelle relazioni intime, in famiglia e, più in generale, nella dimensione sociale o lavorativa. Benchè il venire al mondo segni la separazione fisica dalla madre, i confini mentali non sono presenti fin dalla nascita, già lì pronti per il nuovo nato.

Alcuni limiti o confini sono nettamente definiti, e il non rispettarli può creare danni psichici e traumi- i più gravi sono quelli che scaturiscono dall’abuso, sessuale o meno, che un bambino può subire da parte di un adulto. Altre violazioni si possono verificare anche in età adulta, come le molestie sessuali nei confronti delle donne verso cui il movimento #MeToo sta sollevando attenzione e condanna.

In una dimensione più ampia, in Europa e altrove, c’è poi una crescente preoccupazione per la chiusura, o perlomeno per il rafforzamento, dei confini nazionali degli stati nei confronti dei profughi e degli immigrati, di  ciò che proviene dall’altra parte delle frontiere, e questo in un tentativo di salvaguardare l’identità individuale e nazionale in un mondo globalizzato.

La psicoanalisi si interroga sui confini tra fantasia e realtà, tra realtà fattuale e virtuale, tra sogno e veglia, pensiero coerente e nuclei psicotici, simbolizzazione e non simbolizzazione. Tutti questi argomenti, ed altri ancora, verranno affrontati durante la Conferenza e discussi attraverso lavori e film.

Allegati
Locandina
EPCUS Letter Presidents 2018