Cicli di Seminari del CMP. IV) Laboratorio clinico su “il sogno”

Dal 06/02/2013 to 19/06/2013

4) LABORATORIO CLINICO SU “IL SOGNO”(S. Diena)

MERCOLEDI 6 FEBBRAIO 2013

MERCOLEDI 27 FEBBRAIO 2013

MERCOLEDI 27 MARZO 2013

MERCOLEDI 24 APRILE 2013

MERCOLEDI 22 MAGGIO 2013

MERCOLEDI 19 GIUGNO 2013

In questo ciclo di seminari intendo affrontare il tema dell’uso clinico dei sogni, che viene anche chiamato lavorare con il sogno, ovvero la capacità analitica di essere in oscillazione costante tra investigazione e rêverie nell’analisi del sogno.Ogni seminario prevede una parte introduttiva teorica e una seconda parte di discussione di un testo onirico portato dai partecipanti.Si partirà dalla Traumdeutung, cercando di sottolineare il pensiero originale freudiano e gli sviluppi  e le aperture successive nell’evoluzione del pensiero psicoanalitico, fino ad arrivare alla teorizzazione Bioniana del sogno come esperienza emotiva nella quale è il materiale conscio ad essere trasformato in materiale onirico, con spostamento dell’attenzione dell’analista dai contenuti del sogno a ciò che lo ha generato. Sarà data particolare rilevanza a come la Traumdeutung apra e sviluppi quello che poi sarà il modello fondamentale della teoria psicoanalitica dell’interpretazione, e cioè che interpretare un evento significa assegnare ad esso un significato, attraverso un particolare metodo, che consiste soprattutto nelle libere associazioni e nell’attenzione fluttuante. Particolare attenzione sarà data, nella discussione dei testi onirici, al riconoscimento dei meccanismi  fondamentali usati nel lavoro onirico:

– “La sovradeterminazione o condensazione

– “Lo spostamento

– “La rappresentatività o  drammatizzazione. (L’elaborazione secondaria.)

– L’interpretazione dei sogni cercherà di sottolineare gli:

– “Elementi psicodinamici propri del paziente

– “Elementi inerenti alla vicenda transferale e controtransferale dell’analisi

– “Elementi specifici dell’hic et nunc della  seduta e dell’analisi. (Perché quel sogno adesso ?)

– “Elementi che permettono il riconoscimento del funzionamento del lavoro onirico (vedi sopra).

Durante i seminari, quando possibile,  saranno presentati spezzoni cinematografici e frammenti letterari attinenti al materiale.