Eventi

CVP – 10 Lezioni sul Metodo Psicoanalitico. Zoom dall’ 8/10/2021 al 9/6/2023

12/10/21

02/11/22

,

04/08/22

,

06/10/22

,

10/14/22

,

12/09/22

,

02/10/23

,

06/14/23

,

06/09/23

CVP - 10 Lezioni sul Metodo Psicoanalitico. Zoom dall' 8/10/2021 al 9/6/2023

Il Centro Veneto di Psicoanalisi, con il Patrocinio della Società Psicoanalitica Italiana, organizza una serie di conferenze dal titolo “10 Lezioni sul Metodo Psicoanalitico”.

 

08.10.2021 F. Riolo

10.12.2021 F. De Masi

11.02.2022 R. Romano

08.04.2022 D. Chianese

10.06.2022 A.A. Semi

14.10.2022. F. Borgogno

09.12.2022 S.Bolognini

10.02.2023 L.Russo

14.04.2023 A. Correale

09.06.2023 A. Ferro

 

10 Lezioni sul Metodo Psicoanalitico: rifare il punto

 

Metodo, teoria ed oggetto della psicoanalisi sono legati da un reciproco rapporto per cui una variazione di uno di tali elementi comporta una modificazione degli altri.

Che le teorie psicoanalitiche siano cambiate è sotto gli occhi di tutti. Che l’oggetto che le varie teorie sono in grado di indagare possa essere cambiato, non è da escludere. Rispetto al metodo, invece, comunemente è dato per scontato che adottiamo sempre lo stesso: libera associazione ed attenzione ugualmente fluttuante. Anzi, appare come uno o forse l’unico elemento che accomuna le varie psicoanalisi. Ma è possibile?

Ce lo dobbiamo chiedere.

Per Freud, oggetto del metodo era l’inconscio. Variazioni del metodo indagano il medesimo oggetto?

Nel recente Congresso della Società Psicoanalitica Italiana l’inconscio, o meglio gli inconsci sono stati al centro del dibattito. Ma, se molteplici sono gli inconsci che la psicoanalisi si prefigge di raggiungere – rispetto ai quali per altro intende costruire delle teorie – può il metodo nato per esplorare l’inconscio dinamico prestarsi ad indagarli? In che casi ed a che condizioni ciò è possibile?

In base al metodo psicoanalitico cosa abbiamo appreso ed apprendiamo dei processi di formazione dell’inconscio?

Di più: rivolgere l’attenzione a nuovi oggetti – superando l’orizzonte della rappresentazione per indagarne i precursori– che ricadute ha sul metodo? Ne ha? Quali?

Nel corso del Congresso è stato anche posto l’interrogativo: va ripensata l’idea stessa di libera associazione? Nata per mettere sotto osservazione le lacune del pensiero ed i nessi imprevedibili, come va pensata se ci si apre ad indagare ciò che “non è avvenuto”?

Sono interrogativi che dobbiamo porci e che poniamo, per rifare oggi il punto, ad alcuni psicoanalisti che sono tra i nostri Maestri.

 

Gli incontri sono aperti ai soci S.P.I. e I.P.A. e ai candidati dell’ I.N.T., si svolgeranno su Zoom e saranno gratuiti.

 

Per iscriversi e ricevere il link (fino ad esaurimento dei posti disponibili) scrivere a: centrovenetodipsicoanalisi@gmail.com

 

Vedi anche:

CdPR – Il metodo psicoanalitico oggi. Persistenza, evoluzione o crisi? 14/11/20

Allegati
Locandina