La Depressione dell’Adolescente. Padova, 10 febbraio 2018

10/02/2018

La Depressione dell’ Adolescente

Tutto si prepara nell’infanzia, ma tutto si gioca nell’adolescenza. (E. Kestemberg)
In adolescenza tutto richiede di essere risignificato.
“L’Io è assalito su tutti i fronti, dentro e fuori, e smarrisce la convinzione di innocenza legata all’infanzia e alla rimozione”. (J.Laplanche 1986)
Le trasformazioni della pubertà costringono l’adolescente a “disfarsi” e “rifarsi”, ma anche a riconoscersi e farsi riconoscere e dunque esporsi a sé stesso e all’altro.
E’ questo un evento tanto temuto quanto atteso, in cui diviene necessario rivisitare e aggiornare alla nuova realtà psicofisica in divenire tutto il precedente processo di separazioneindividuazione.
In questa turbolenza si muovono i processi identificatori ancora oscillanti e instabili; il contrasto e il conflitto si collocano fra la creatività del sé e il naufragio nella compiacenza e nell’indifferenza di sé.
Spesso vissuti di profonda tristezza, anche nelle forme di equivalenti fisici, accompagnano questi complessi processi di perdita e di acquisizione, e non è sempre facile discriminare tra una transitoria, “fisiologica” componente depressiva
e forme francamente patologiche.

Scarica la locandina

Per saperne di più