NEWSLETTER COWAP Marzo 2020

01/03/2020

NEWSLETTER COWAP

Marzo 2020

Presidente generale della commissione COWAP
: Paula Ellman
Copresidente per l’Europa: Cristina Saottini
Copresidente per l’America latina: Patricia Alkolombre
Copresidente per il Nord America: Cecile Bassen
Membri europei: Lesley Caldwell ed Ester Palerm Mari
Membri dell’America Latina: Graciela Cardó Soria e Aurora Romano Mussali
Membri del Nord America: Andrea Kahn e Margarita Cereijido
Consulenti: Frances Thomson-Salo e Gertraud Schlesinger-Kipp
Redattore della newsletter COWAP: Ester Palerm Mari

NOTA DELL’EDITOR DI NEWSLETTER COWAP


Di Ester Palerm

Proprio quando la newsletter COWAP di marzo stava per essere inviata, il Coronavirus ha cambiato il mondo intero. La minaccia virale influenza molte cose che, fino a quel momento, sembravano sicure e normali per tutti. La newsletter doveva riflettere questo cambiamento. Pertanto, Paula Ellman, Cristina Saottini, Cecile Bassen e Patricia Alkolombre, presidente e copresidente per Europa, Nord America e America Latina, ci scrivono alcune parole relative alla situazione attuale.

Tieni presente che la newsletter è stata preparata prima della pandemia. Per questo motivo, potresti voler controllare i siti web degli eventi in corso in quanto potrebbero esserci cambiamenti o cancellazioni.

POCHE PAROLE DELLA SEDIA COMPLETA COWAP


Di Paula Ellman

Dalla nostra ultima newsletter, il nostro mondo è cambiato in modi che non avremmo mai potuto prevedere. Come presidente generale di COWAP, vedo l’unità nel modo in cui i nostri rappresentanti regionali riferiscono dell’esperienza della loro regione sulla pandemia di Covid-19. Siamo tutti in questa crisi insieme. Allo stesso tempo, tuttavia, la cultura esistente di ogni regione dà forma alle ripercussioni specifiche della pandemia. Ad esempio, i femminicidi e la violenza domestica sono in aumento in America Latina. In Italia, dove le persone hanno sofferto i primi in Occidente, i suoi centri psicoanalitici organizzano enormi sforzi di sensibilizzazione verso le comunità più grandi per affrontare e mitigare l’impatto della pandemia sulla psiche. Il Nord America ha organizzato incontri del municipio nazionale in cui centinaia di analisti si riuniscono per discutere.

Ognuno dei copresidenti della nostra regione offre i propri pensieri. Mando tutti i desideri di sicurezza e buona salute e spero in un ritorno a vivere le nostre vite più vicino a ciò che una volta sapevamo.

ALCUNE PAROLE DEL
PRESIDENTE EUROPEO di Cristina Saottini In Italia e principalmente nella mia regione, la Lombardia, la pandemia ha colpito duramente e da mesi abbiamo preso misure di blocco. Noi cittadini abbiamo reagito in modo coraggioso e di supporto, ma inevitabilmente dopo quattro settimane ci sentiamo più stanchi: la quota depressiva di questo trauma sta emergendo.

Qualcosa di sicuro difficile da gestire con i pazienti che lavorano in linea è l’equilibrio tra fornire supporto contro le ansie concrete e prendersi cura della sessione come spazio di transizione. Tutto è così diffuso e pervasivo, che diventa dispersivo. Siamo sospesi su una corda tesa e questo ci rende passivi: dobbiamo prendere in carico le ansie dei nostri pazienti e condividere le loro paure, che sembrano reali e complementari alle nostre.
Questa situazione di attesa immobile potrebbe farci sentire troppo virtuali, proprio come i suoni remoti delle ambulanze, le strade del deserto, i notiziari televisivi (sembrano film, no ??) e ovviamente la nostra solitudine.

Non abbiamo mai dovuto affrontare nulla del genere, e per “noi” intendo la generazione occidentale che credeva che guerre ed epidemie fossero solo una questione di qualcun altro. La paura della morte ci rende tutti spaventosi. Alcuni lo negano a causa dell’angoscia, altri costruiscono difese con mezzi intellettuali o pratici.

Il Centro milanese di psicoanalisi e la Società psicoanalitica italiana hanno messo in atto una task force molto forte per soddisfare le richieste di supporto psicologico da parte della popolazione e dei loro membri si incontrano a distanza per discutere argomenti specifici riferiti a questa situazione, cercando di mantenere un buon personale Manutenzione.

Alla fine inizieremo a pensare a ciò che verrà dopo … e che sicuramente non sarà un restauro del passato. Anche senza tener conto della perturbazione economica che attende, chi diventeremo? Quali priorità avremo?

Detto questo, sono pieno di speranza per la possibilità di un cambiamento che, quando il lutto finirà, potrebbe farci ricominciare da capo, arricchito.
Forse è che ho letto “On Transience”, uno degli scritti più toccanti di Freud … forse è la mia analisi … forse sono i film del movimento neorealista italiano dopo la Seconda Guerra Mondiale e la loro creatività, ma ce la faranno!

ALCUNE PAROLE DEL PRESIDENTE AMERICA DEL NORD


di Cecile Bassen

Non ho mai immaginato di voler o di dover condurre la mia pratica da remoto. Eppure io e la maggior parte dei miei colleghi nordamericani stiamo organizzando tutte le nostre sessioni tramite video e / o telefono. Mi sentivo preoccupato che avrei abbandonato i miei pazienti praticando in remoto, ma ho scoperto che loro e io siamo sollevati dal lavorare insieme in un modo che non metta a rischio la salute di nessuno. Per la maggior parte dei miei pazienti, la connessione sembra solidale e sicura. Sono consapevole di sentirmi più stanco alla fine di ogni giornata e i miei colleghi mi dicono che si sentono allo stesso modo. È stancante tenere presente la maggiore vulnerabilità e ansia di ogni paziente, e stancare di guardare lo schermo di un computer così tante ore al giorno.

L’American Psychoanalytic Association, l’American Psychiatric Association e le società professionali locali hanno organizzato una serie di sforzi di sensibilizzazione e alcuni dei nostri colleghi stanno organizzando sforzi di volontariato per supportare gli operatori sanitari e i primi soccorritori. Tuttavia, molti incontri professionali sono stati posticipati o annullati, con i colleghi che dicono che sono troppo stressati e troppo stanchi per incontrarsi da remoto alla fine della giornata lavorativa. Immagino che questo cambierà man mano che ci sistemeremo in questo nuovo modo di lavorare e di vivere nel tempo e di cercare una maggiore connessione reciproca.

ALCUNE PAROLE DELLA PRESIDENZA AMERICA LATINA Di Patricia Alkolombre

Viviamo tutti un periodo unico e globale a causa della pandemia di Covid-19. Abbiamo dovuto cambiare il modo in cui vivevamo fino a poche settimane fa per prenderci cura degli altri e di noi stessi. Vivere in quarantena significa un cambiamento radicale oltre alla cura dell’igiene e alla limitazione degli sbocchi per il consumo essenziale. In questo contesto, gli effetti nelle diverse regioni dell’America Latina cambiano, essendo più difficile nelle popolazioni vulnerabili con meno risorse economiche, così come nelle famiglie o nelle coppie in cui la violenza è più presente.

Per gli psicoanalisti, è stata imposta la necessità di un cambiamento nel quadro di una modalità virtuale, analisi online attraverso le applicazioni disponibili. C’è un grande bisogno di contenimento, in diversi modi, alcuni forniti da società psicoanalitiche, in contatto con la comunità.

In un contesto che cambia così rapidamente e in modo così drammatico in molti paesi, non conosciamo gli effetti dell’impatto psichico, dal momento che siamo tutti immersi in questa emergenza sanitaria globale allo stesso tempo. Dobbiamo rimanere in contatto e comunicare per poter pensare, vivere l’incertezza e la paura latente e con la speranza di uscire presto da questa crisi.

————————————————– ————————————————– —-

MARZO 2020: NEWSLETTER COWAP


Di Paula EllmanDesidero ancora esprimere il mio profondo apprezzamento per lo sforzo instancabile e la creatività di Ester Palerm-Mari nell’istituzione e nella continuità della nostra newsletter trimestrale COWAP. Karla Rodriguez di Lima sta lavorando a fianco di Ester per i prossimi due numeri e assumerà la guida della direzione nell’autunno 2020. Grazie, Ester e Karla, per averci concesso questa newsletter trimestrale COWAP come una pubblicazione ricca ed efficace.

Appena uscito dagli incontri dell’American Psychoanalytic Association a New York City, sono particolarmente pieno di obiettivi diversi che si concentrano tutti sul nostro lavoro analitico “per trovare la persona” messo giustamente da Warren Poland. Come psicoanalisti, portiamo una serie di differenze nel nostro processo di ricerca della persona e delle teorie che ci informano. Sono stato commosso e apprezzato da un giovane psicoanalista di genere diverso che, nel mio gruppo di discussione sulla fantasia e il trauma inconsci, ha contestato (con espressa esitazione) la descrizione di un’analista senior del suo lavoro clinico con il suo giovane paziente transgender adulto. L’analista più anziana ha descritto la decisione della sua paziente di passare al genere come una conseguenza di un trauma sessuale della vita precedente, una formazione apparentemente compromessa. Il giovane analista affermò senza sosta che forse il trauma più importante era la disforia di genere che il paziente probabilmente aveva vissuto per tutta la vita. Ed è stato a quel punto che l’analista più anziano ha offerto che in effetti sì, il paziente aveva parlato della disforia di genere in corso “lui” aveva sofferto per tutta la vita. Ecco un cambiamento di prospettiva offerto da una mente alternativa che consente di “trovare la persona” con maggiore autenticità. In seduta plenaria, Carol Gilligan ha offerto una nuova lettura ricca e potente della storia del vecchio testamento di Eva come una storia di resistenza al patriarcato – che l’opposizione di Eva a Adamo è in realtà il suo essere il “compagno di aiuto” “il sostenitore accanto a lui” (che è ciò che l’ebraico traduce in realtà, “aiutando con l’opposizione”), che Adamo ha bisogno di Eva per aiutarlo con ciò che non può fare da solo – per aiutarlo a uscire dal patriarcato. E Marianne Leuzinger-Bohleber nel nostro incontro di lavoro di COWAP ha condiviso il suo intenso lavoro con una rifugiata di un paese musulmano che nel mezzo del suo trauma è regredito da una posizione più autonoma di funzionamento emotivo a un luogo di oppressione come donna nella sua cultura misogina . Come psicoanalisti, lavoriamo tutti per trovare la persona  L’interesse di COWAP è di portare l’obiettivo della donna e del genere nella nostra scoperta. Abbiamo molti programmi ricchi ed entusiasmanti su cui riferire.

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLE DONNE


Di Ester PalermLa Giornata internazionale della donna, inizialmente chiamata Giornata internazionale della donna che lavora, ha acquisito una dimensione globale nel corso del ventesimo secolo.Nonostante i progressi compiuti, i cambiamenti reali rimangono lenti per molte donne e bambini nel mondo. In troppi paesi, donne, ragazzi e ragazze rimangono sottovalutati. Lavorano di più, guadagnano meno, subiscono violenza e hanno meno opzioni. In altri paesi più sviluppati, altri diritti più avanzati devono essere rivendicati per raggiungere l’eguaglianza effettiva con l’uomo. Inoltre, questi risultati non sono sufficientemente consolidati e alcune politiche minacciano le sfide raggiunte che costano così tanto sforzo da raggiungere.Questa consapevolezza e difesa per la parità di diritti tra gli esseri umani richiede gli sforzi di tutti. È necessario cambiare i valori culturali, non per concessione ma per nostro desiderio, solo allora saremo in grado di stabilire relazioni basate sulla complementarietà e sulla fiducia tra gli esseri umani.

Inoltre, vorrei sottolineare che continuiamo con il nostro omaggio alle analiste pioniere femminili. In questa newsletter puoi leggere di Annie Anzieu dell’Associazione psicoanalitica francese, morta l’anno scorso; Marie Langer dell’Associazione psicoanalitica argentina e Daisy Franco, Doris Bernstein e Lillian Gordon dell’Institute for Psychoanalytic Training and Research (lPTAR).


CALENDARIO 2020

24-25 aprile, XIV Dialogo intergenerazionale latino-americano tra uomini e donne: “Potere, genere e amore. Prospettive femminili contemporanee” (XIV Diálogo latinoamericano intergeneracional entre hombres y mujeres: “Poder, género y amor. Perspectivas femeninas contemporáneas”), Messico DF
Avremo l’opportunità di discutere tre temi correlati: Potenza, Genere e Amore, da prospettive femminili contemporanee. Ciò avverrà in un contesto in cui colleghi di diversi paesi dell’America Latina condivideranno e discuteranno delle loro esperienze e dei loro punti di vista.
Speriamo di avere uno spazio di discussione ampio e plurale. Non vediamo l’ora di vedervi!

28 aprile-2 maggio, Conferenza pre-congressuale COWAP al Congresso IPA-Asia Pacifico “La donna desiderante: ambiguità, spostamenti e contraddizioni in un mondo che cambia”, Sidney (Australia)
Il relatore principale è Virginia Ungar, il presidente IPA e altri presentatori : include Jhuma Basak, Sun Ju Chung, Paula Ellman, Helen Garner, Nancy Goodman, Orin Gozlan, Louise Gyler, Holly High, Tsung-Wei Hsu, Fumi Kitamura, Clara Nemas, Takashi Okudera, Coll Osman, Campbell Paul, Adriana Prengler, Arlene Kramer Richards, Jun Tong, Harriet Wolfe e altri.

Sfortunatamente, è stato cancellato. La prossima conferenza Asia-Pacifico si svolgerà in India nel 2022 per celebrare il centenario della società psicoanalitica indiana.

15-16 maggio, giorni lavorativi COWAP-APA: “Violenza e diversità. Vista interdisciplinare” (Jornadas: “Violencia y Diversidad. Mirada Interdisciplinaria), Buenos Aires (Argentina)
Saranno presenti panel su aspetti clinici e teorici, presso consulenze private sala e al lavoro istituzionale

22-23 settembre, pre-congresso COWAP – Conferenza FEPAL: “Mascolinità: frontiere e trasformazioni” (“Masculinidades: fronteras y transformaciones”), Montevideo (Uruguay) 
L’argomento della conferenza COWAP in FEPAL riguarda le mascolinità, i loro confini e le trasformazioni nelle nostre esperienze cliniche e approcci teorici. Propone di esaminare diversi aspetti della complessità di questo problema e di discutere su diverse prospettive. La conferenza sarà aperta ai membri di COWAP e alla comunità psicoanalitica.

3 ottobre Simposio femminile tra l’Associazione di psicoterapia psicoanalitica di Helsinki e la Società psicoanalitica finlandese, Helsinki (Finlandia),
Riccardo Lombardi parlerà del transfert corporeo. Sirpa Kähkönen fornirà un articolo su un celebre autore finlandese e suffragetta Minna Canth (1878-1897). Laura Lindstedt parlerà del suo ultimo libro Natalia, una fantasia di un viaggio psicoanalitico.


RASSEGNA DELLE ATTIVITÀ

PASSATE Conferenza COWAP: “Il femminile: rivisitare la bisessualità”
6-7 dicembre, Lisbona (Portogallo)

    
Di Conceição Tavares de Almeida e Teresa AbreuLa conferenza COWAP sul tema “Il femminile: rivisitazione della bisessualità” si è svolta a Lisbona il 6 e 7 dicembre presso la Fondazione Calouste Gulbenkian. Con il sostegno del COWAP europeo e internazionale, questo evento è stato organizzato dal gruppo portoghese COWAP, Conceição Tavares, Jorge Câmara e Teresa Abreu della società psicoanalitica portoghese (SPP) in collaborazione con Raquel Ferreira e Teresa Flores del portoghese Nucleo di psicoanalisi (NPP). L’evento ha avuto il patrocinio scientifico del programma nazionale per la salute mentale della direzione generale della sanità portoghese.Il formato prevedeva sessioni plenarie con specialisti invitati e sessioni parallele rivolte a diversi pubblici clinici e non clinici: psicoanalisti, candidati, studenti universitari, professionisti della salute generale e mentale, professionisti dell’educazione e dei servizi sociali.

L’idea principale nella scelta di questo argomento è nata dal concetto classico di psicoanalisi rivisitato alla luce degli sviluppi contemporanei della psicoanalisi e dei fenomeni sociali e culturali. Così, controverso 100 anni fa, quando Freud si riferisce al Femminile come a un Continente Oscuro, sviluppando in seguito il concetto di Bisessualità Psichica, il concetto presenta ancora una sfida alla costruzione dell’identità dall’integrazione delle differenze. In questi ultimi anni, la società e la cultura si sono evolute esponenzialmente convocando la psicoanalisi per prendere una posizione in questo dialogo scientifico e politico su sesso, genere e soggettività.


Da sinistra a destra: F.  Sequeira, R. Aragão, P. Ellman, C. Saottini e C. Tavares de Almeida

C’erano due oratori invitati – Rosine Perelberg e Dana Amir – che hanno presentato conferenze con i titoli: “Passione e Melanconia, Rosso e Nero: le vicissitudini del sesso in un processo analitico” e “Genere in movimento: Il rizomatico contro l’edipico” rispettivamente.

I panel clinici hanno privilegiato i partecipanti nazionali e internazionali con riconosciuta esperienza teorica e clinica negli argomenti di discussione. Nei panel non clinici, uno psicoanalista era sempre presente insieme a specialisti di altre sfere come cinema, teatro, letteratura, sociologia, istruzione e ricerca sulle politiche sanitarie. I pannelli erano su: “Arte, cultura e vulnerabilità”; “Amore e fertilità nell’era della tecnologia”; “Espressione dell’identità di genere e il suo impatto in contesti educativi e culturali”; “Il femminile nell’uomo e il maschile nella donna: potere e complementarietà”.
In collaborazione con l’IPSO Portogallo, si sono tenuti due gruppi di supervisione clinica con 21 candidati presenti: uno con Paula Ellman, presidente generale di COWAP, e l’altro con Cristina Saottini, presidente europeo di COWAP. Entrambi i supervisori hanno contribuito notevolmente all’importanza scientifica di questo evento e alla sua dimensione internazionale e politica.
SPP ha aperto le sue porte a tutti i partecipanti con un cocktail di benvenuto arricchito da un momento musicale. Ciò ha permesso una condivisione rilassata e piacevole delle esperienze tra colleghi e l’ampliamento del social network psicoanalitico.
In concomitanza con la Conferenza e con il sostegno di Medeia Films è stato organizzato un festival cinematografico di sensibilizzazione; il film di François Ozon “Une Nouvelle Amie” ha chiuso la conferenza.


Da sinistra a destra: Teresa Abreu, Teresa Flores, Raquel Ferreira, Paula Ellman, Cristina Saottini, Jorge Câmara e Conceição Tavares de Almeida

Il fondamento della psicoanalisi si basa sui concetti di inconscio e sessualità in cui l’idea di pulsione / istinto precede l’identificazione o la scelta dell’oggetto. Al giorno d’oggi, i fenomeni sociali e culturali sollevano il problema di una serie di esperienze soggettive della sessualità umana che sostituiscono una logica binaria. La scelta dei contenuti della conferenza ha seguito la sfida di affrontare da un punto di vista psicoanalitico le questioni femminili interne al fine di partecipare alla costruzione di una cittadinanza etica e plurale. Con questo in mente, abbiamo proposto di far riflettere e di discutere il (vecchio) concetto di bisessualità psichica proposto da Freud, ora rivisitato alla luce della psicoanalisi contemporanea e sostenuto dalle sfide che (nuove) identità, costellazioni relazionali e familiari portano alla ribalta.

Vi era un pubblico di 105 partecipanti provenienti da 12 paesi: Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Israele, Germania, Finlandia, Regno Unito, Grecia, Libano, EUA e Brasile. L’opportunità di riunire le persone da un così ampio spettro di approcci e contesti culturali ha sottolineato come la psicoanalisi rimanga uno strumento per leggere i fenomeni soggettivi umani attraverso le esperienze multiculturali.

Il gruppo di lavoro portoghese COWAP coordinato dal Conceição Tavares de Almeida, attuale membro di collegamento di COWAP, è costituito da 20 candidati, associati e membri della formazione di Lisbona, Oporto, Coimbra e Madrid. Lo scambio internazionale in regolari incontri mensili presso SPP sia a livello scientifico che umano è stato molto proficuo.
Uno degli obiettivi dell’evento, ma anche dell’esistenza di COWAP, è coinvolgere e sensibilizzare sia gli psicoanalisti che i membri della comunità e comprometterli sull’apertura alla discussione e alla comprensione di fenomeni controversi. Trasmettendo e utilizzando media e social network come YouTube, Facebook e il sito Web di SPP per promuovere il lavoro di COWAP, abbiamo mirato a un risultato e ramificazioni per la comunità in generale e la società oltre l’incontro stesso con i feedback più gratificanti.


ANALISTI PIONEER FEMMINILI 

ANNIE ANZIEU (1924-2019)
Associazione psicoanalitica francese 

di Christine Anzieu-Premmereur
Annie Anzieu è deceduta il 10 novembre 2019. Nata in Francia nell’aprile 1924, Annie Anzieu si è laureata in filosofia e psicologia a Parigi alla fine della seconda guerra mondiale.

Nel 1947, sposò Didier Anzieu. Entrambi sono diventati psicoanalisti in seguito. Didier ha elaborato notoriamente il suo lavoro sull’autoanalisi di Freud negli anni Cinquanta e sull’Ego della pelle negli anni Ottanta. Vivevano a Parigi, avevano due figli, Christine e Pascal. Anche la loro figlia Christine Anzieu-Premmereur divenne psicoanalista.


Annie Anzieu

Nel 1958, Annie Anzieu era logopedista infantile all’ospedale Salpêtrière di Parigi, dove il professor Daniel Widlöcher fondò con lei il Dipartimento di psicoterapia infantile. Ha guidato per molti anni il dipartimento. Ha dedicato il suo tempo a insegnare a molti psicoterapeuti infantili.

È stata analizzata da Georges Favez ed è diventata analista di formazione / supervisione presso l’Associazione Psychanalytique de France, fondata nel 1964. Nel 1984 è stata nominata Presidente dell’Associazione per la Psychanalyse de l’Enfant o APE come co-fondatrice con la sua collega Florence Guignard. Nel 1994, entrambi, hanno esteso a livello europeo l ‘”APE” e hanno fondato la “Société Européenne pour la Psychanalyse de l’Enfant et de the Teenager (SEPEA)”. È stata nominata vicepresidente della SEPEA lo stesso anno.

Grazie ad Anne Marie Sandler, sua molto amica, l’IPA ha creato il Committee on Child and Teenent Psychoanalysis (COCAP), che ha contribuito a riconoscere gli psicoanalisti infantili in tutto il mondo. COCAP ha eletto Annie Anzieu tra gli altri colleghi europei come Analista della formazione in psicoanalisi infantile e adolescenziale dell’IPA.

Tra le sue pubblicazioni sull’analisi del bambino, ha sottolineato il ruolo delle relazioni corporee e degli involucri psichici tra madre e figlio e le principali esigenze di etichettatura degli affetti.

Inoltre ha pubblicato sulla sessualità femminile. Nel suo libro “La femme sans qualités”, ha affermato che la psiche di una donna è influenzata dalle rappresentazioni degli interni e della ricettività del suo corpo.

Ha lasciato un’impronta nel mondo psicoanalitico per il trattamento di bambini, adolescenti e donne.

Era una madre meravigliosa e una grande psicoanalista appassionata di adulti e bambini che scrisse sul femminismo, la maternità e la tecnica nell’analisi dei bambini. Negli anni ’90, ha scritto con sua figlia un libro sul gioco nella terapia infantile. Ma la parte importante del suo lavoro è il suo libro sulla femminilità e la femminilità che è stato pubblicato in francese nel 1989. Christine Anzieu-Premmereur ha in programma di tradurre il documento Annie Anzieu pubblicato nella rivista Revue Française de Psychanalyse on Femininity.

MARIE LANGER (1910-1987)
Associazione psicoanalitica argentina

   
di Alejandra Marucco e Beatriz Zelcer 

Marie Langer era una psicoanalista rilevante per la storia della psicoanalisi in Argentina, in America Latina e nel resto del mondo. Nacque a Vienna, in Austria, il 31 agosto 1910 e morì a Buenos Aires il 22 dicembre 1987.

Era una figura complessa che continua a provocare interpretazioni diverse e contraddittorie. È stata co-fondatrice dell’Associazione psicoanalitica argentina (APA) e pioniera della psicoanalisi in America Latina. Era anche famosa per i suoi insegnamenti, libri e numerosi articoli pubblicati su riviste. La sua vita e le sue sfide non possono essere separate dalle condizioni politiche, culturali e ideologiche del 20 ° secolo. Era una donna impegnata in tre scuole di pensiero nel 20 ° secolo: Freud, Marx e Femminismo. La sua vita è stata una lotta costante per i diritti delle donne e contro l’ingiustizia sociale, il fascismo e la rigidità della psicoanalisi istituzionale.


Marie Langer

Tra i suoi numerosi scritti scientifici, ci sono varie linee di lavoro. Qui, mettiamo in evidenza quelli che si concentravano sulle donne e il loro ruolo secondario assegnato loro dalla società del suo tempo.

Nel 1951, ha pubblicato “Maternidad y Sexo” (“Maternità e sesso”). Basato sulla teoria di Melanie Klein, il suo libro ha mostrato come i problemi psicosomatici delle donne durante la gravidanza fossero correlati a fantasie inconsce derivate dalle prime ansie e al complesso della castrazione femminile. Il libro è stato tradotto in diverse lingue ed è ancora considerato innovativo.

In un testo pubblicato nel 1982, ha messo in dubbio alcune delle idee di “maternità e sesso” e ha criticato “il naturale desiderio di procreare” e la nozione di “istinto materno”. Riteneva che questo dibattito sarebbe stato inimmaginabile qualche decennio prima. Si è chiesta se questo istinto esiste davvero e discute della capacità evolutiva degli esseri umani di modellare la natura e le loro esigenze istintuali in base a limiti e requisiti socioeconomici e culturali. Nel 1984, dichiarò che quando aveva scritto “Maternidad y Sexo” nel 1951, era caduta vittima dell’idealizzazione della maternità e dell’allattamento. Ha criticato questo approccio per aver messo tutte le spiegazioni teoriche sul legame tra madre e figlio e aver contribuito con altri autori psicoanalitici a dare la colpa alle madri. Sostiene che questo approccio ha insistito e richiesto che le madri rinunciassero alle proprie ambizioni e mettessero le loro capacità di crescere i figli e il loro futuro. Si chiese: “Allora: si tratta di teorie o ideologie?” Ha sottolineato che le donne si sentono sopraffatte, che hanno la sensazione permanente di non realizzare nulla di buono e di rimanere sempre dietro le aspettative degli altri. Sono in tensione tra l’Io Ideale del modello ideale della madre e le donne che devono essere, così come il Super Ego della donna: gli “obblighi sacri”. Ha anche messo in dubbio l’idea dell’invidia fallica della donna quando tenta di raggiungere la posizione dell’uomo, ha riassunto: “Sebbene siamo femministe, anche se dichiariamo la nostra convinzione che una donna vale quanto un uomo, nel nostro inconscio attenzione non ci crediamo ”.

Marie Langer ha sempre voluto lasciare alle spalle il modo di vivere imposto alle donne durante il suo tempo. Questo potrebbe essere il motivo per cui nei suoi giorni successivi si è chiesta: “Questa nuova donna è più felice di sua nonna che non ha mai sognato tutte queste nuove opportunità?” Lei ha risposto a questa domanda: “Direi: sì. In ogni caso è più felice dei pazienti di Freud ”.

DAISY FRANCO (1914-2008)
Institute for Psychoanalytic Training and Research (IPTAR) 


Di Carolyn S. Ellman 

Negli anni ’40 e ’50, quando i rifugiati provenivano dall’Europa, la psicologia e la psicoanalisi negli Stati Uniti stavano appena iniziando a svilupparsi. La storia di alcuni dei pionieri di alcuni di questi nuovi Istituti è uno studio di dedizione e ispirazione. Una di quelle pioniere fu Daisy Franco, una delle “madri” fondatrici di Iptar (Istituto di Formazione e Ricerca psicoanalitica). Daisy è nata nel 1914 nella Turchia di IZMIR ma ha trascorso gran parte della sua infanzia a Istanbul. La sua famiglia parlava francese, il che non era inusuale nella classe media delle minoranze ebraiche. I suoi genitori andarono alle scuole di francese, così come lei, ma in seguito si laureò all’American College di Istanbul con una specializzazione in Biologia. Poi andò a Parigi per studiare ma scoppiò la seconda guerra mondiale e dovette tornare a casa.


Daisy Franco

Presto iniziò a lavorare per il suo dottorato di ricerca in psicologia presso la Columbia University (decidendo di lasciare la biologia) e con un crescente interesse per la psicoanalisi si iscrisse al l947 nel suo primo corso di psicoanalisi presso la National Psychological Association for Psychoanalysis, NPAP- un corso di analisi dei sogni (che è stata una sua passione per il resto della sua vita). NPAP stava attirando molte persone da altri campi che volevano essere psicoanalisti. Quando un certo numero di persone si staccò dal NPAP a causa di varie pratiche che non erano strettamente nella tradizione freudiana, quelle persone tra cui Daisy, formarono un gruppo di studio che sarebbe poi diventato IPTAR. Combattendo duramente contro l’idea di esclusione, decisero persino di avere il loro primo presidente un non-PHD -Irwin Herbst. Dopo aver lasciato NPAP nel 1958, chiesero una carta per sviluppare un istituto e IPTAR iniziò nel 1960 con 15 membri della carta. Lo statuto si basava sullo statuto dell’International Psychoanalytic Association (poiché quelli rappresentavano i valori in cui questo gruppo credeva). Daisy è stata membro del Consiglio di amministrazione per 35 anni. Stanley Berger è stato il primo decano. Daisy divenne il secondo decano e decano per 8 anni. Non solo ha contribuito a sviluppare il primo curriculum, ma è stata determinante nello sviluppo del secondo curriculum. Il secondo curriculum è durato 20 anni ed è stato molto modellato sulle idee di Daisy legate alla teoria dello sviluppo, studiando le idee di Freud e l’analisi dei sogni. Ha sviluppato un corso per studenti del primo anno (integrando alcune delle idee di Mahler sull’individuazione della separazione) e ha integrato tali idee in una serie di corsi nel corso di quattro anni. Ha anche insegnato l’analisi dei sogni usando i suoi pensieri sull’inconscio e ha seguito i sogni in seminari clinici che mostrano come i sogni cambiano nel corso del trattamento. Daisy, nel suo ruolo di Dean, per quasi un decennio, ha sempre cercato di aiutare i candidati a integrare le idee teoriche con il processo clinico.

Negli anni ’70, rivolse la sua attenzione alle questioni di genere. Nel 1985, lei, Doris Bernstein e Zenia Odes Fliegel organizzarono una conferenza all’IPTAR intitolata “Simposio sulla fallocentricità nella psicoanalisi: implicazioni teoriche, di sviluppo e cliniche”. Questa conferenza ha inaugurato gli studi di genere presso l’IPTAR, che continua fino ad oggi. La sezione di genere è stata formalizzata da Norbert Freedman (l’allora presidente) dopo la prematura scomparsa di Doris Bernstein nel 1990. Daisy era una figura di spicco in questo gruppo, come lo erano Donna Bassin, Carol Kaye, Betsy Distler, Zenia Fliegel e Mae Lord. Cominciarono a incontrarsi mensilmente e poi lo aprirono ad altri. L’attenzione particolare di Daisy era rivolta al fallocentrismo, l’esaltazione del potere maschile che ha rallentato la formazione del personaggio femminile lavorando in un gruppo di studio per due anni (con Donna Bassin, Carol Kaye, Carolyn Ellman e Nancy Einbinder), sull’ansia della paternità (in particolare nelle donne), ha lavorato a una conferenza che ha avuto luogo nel marzo del 200l intitolata “L’ansia della paternità: esaminare le inibizioni delle donne nell’espressione di sé”. Gli obiettivi erano (a) descrivere sia una comprensione psicoanalitica delle inibizioni del lavoro in generale sia ostacoli alla creatività che mostrino conflitti di genere e (b) sostenere lo sviluppo delle donne scrittrici. IPTAR, a differenza di molti Istituti, richiede un documento di appartenenza dopo la laurea se desideri essere un analista della formazione (incoraggiando così molte persone a provare e scrivere). “Gli obiettivi erano (a) descrivere sia una comprensione psicoanalitica delle inibizioni del lavoro in generale sia ostacoli alla creatività che mostrino conflitti di genere e (b) sostenere lo sviluppo delle donne scrittrici. IPTAR, a differenza di molti Istituti, richiede un documento di appartenenza dopo la laurea se desideri essere un analista della formazione (incoraggiando così molte persone a provare e scrivere). “Gli obiettivi erano (a) descrivere sia una comprensione psicoanalitica delle inibizioni del lavoro in generale sia ostacoli alla creatività che mostrino conflitti di genere e (b) sostenere lo sviluppo delle donne scrittrici. IPTAR, a differenza di molti Istituti, richiede un documento di appartenenza dopo la laurea se desideri essere un analista della formazione (incoraggiando così molte persone a provare e scrivere).

Negli anni ’90, dopo l’ammissione di IPTAR all’IPA Daisy, all’età di 90 anni, i recenti sviluppi dei membri di IPTAR lo hanno trasformato in un saggio sulle nuove visioni della recitazione pubblicato in JAPA. Smise di vedere i pazienti a 89 anni e mezzo e morì nel settembre 2008 all’età di 94 anni. Una grande perdita ma fonte d’ispirazione per tutti noi.

DORIS BERNSTEIN (1932-1990)
Institute for Psychoanalytic Training and Research (IPTAR) 

   
Di Leni Winn e Florence Williams

Doris Bernstein è stato uno dei primi diplomati all’Institute for Psychoanalytic Training and Research (IPTAR), fondato nel 1958, prima come una società di appartenenza per analisti non medici che condividono un interesse per la teoria e la tecnica di Freud e poi, nel 1960, fu istituito il Training Institute.

Doris Bernstein è nato a Pottstown PA. Ha frequentato la Penn State University dal 1948 al 1951, specializzandosi in teatro e inglese. Dopo la laurea, ha lavorato per 3 anni con alcuni colleghi nel campo del teatro per sviluppare un teatro a tutto tondo. Successivamente ha lavorato per la Society for the Prevention of Cruelty to Children (SPCC), la sua prima posizione nel campo della salute mentale. Si è trasferita a New York alla fine degli anni ’50 e ha lavorato come consulente in salute mentale per l’International Ladies Garment Workers Union (ILGWU).


Doris Bernstein

All’inizio degli anni ’60 ha conseguito un Master in Psicologia presso la Yeshiva University e in quel momento e durante tutta la sua formazione presso l’IPTAR ha lavorato come consulente di salute mentale per Mobilization for Youth, (MFY) nella parte inferiore orientale di Manhattan.

A metà degli anni ’60 entra a far parte della IPTAR già formata in prima classe, ed è stato uno dei primi laureati. All’IPTAR ha ricevuto una formazione psicoanalitica classica e un’analisi dell’allenamento. Doris era in ogni caso un candidato eccezionale, e dopo la laurea si unì rapidamente alla facoltà e divenne analista della formazione e supervisore del controllo, sia all’IPTAR che alla National Psychological Association for Psychoanalysis (NPAP). È stata eletta presidente dell’IPTAR nel 1978 e di nuovo nel 1986.

Doris Bernstein divenne maggiorenne negli anni ’60, quando la seconda ondata di femminismo trovò la sua voce. La psicoanalisi era sotto attacco per la fallocentricità delle sue teorie. In quel momento, derivando dai suoi studi e dal suo lavoro clinico, alcuni dei pensieri di Doris sullo sviluppo femminile iniziarono a mettere in discussione la visione fallocentrica di Freud secondo cui lo sviluppo femminile era una forma aberrante di sviluppo maschile e il suo concetto secondo cui il superego femminile era “più debole” rispetto al maschio. L’opera di Doris è incorniciata da un concetto centrale; vale a dire quella dell’identità specifica di genere. È un concetto, che è sia tradizionale che intrinseco alla teoria psicoanalitica, ed era eretico.

Il ruolo determinante del genere nello sviluppo dell’organizzazione psichica è profondamente radicato negli scritti di Freud. È forse una condizione sine qua non per la comprensione freudiana della vita mentale. Nei suoi 3 saggi, Freud ha articolato la nozione di sessualità infantile, osservando che i corpi in cui siamo nati continuano a permeare la nostra vita. Ma usò costantemente il maschio solo per costruire il suo modello.

Doris ha riconosciuto il difetto nel concettualizzare le donne come “non maschi”, anziché individui separati. Ha chiesto “che dire delle sensazioni del corpo femminile?” Doris pensava che l’identità della ragazza non fosse fondata su ciò che non ha (un pene) ma su ciò che ha. Ha proposto 3 termini per descrivere una complessa costellazione di ansie genitali femminili: come “accesso, penetrazione e diffusività”. Ha riconosciuto l’impatto di queste particolari esperienze nello sviluppo di un’identità specifica di genere per la ragazza. Ha anche riconosciuto la sfida principale della bambina come la necessità di identificarsi con la madre pre-edipica, ma separata dalla stessa. La separazione è quindi un compito più complesso per la bambina, poiché lei e sua madre sono le stesse sia internamente che esternamente.

In un articolo pubblicato postumo nel 1991, ha richiamato l’attenzione su specifici pericoli che potrebbero verificarsi nella diade analitica femminile. Identifica vari controtransferti come l’analista che si identifica con la lotta delle donne per l’autonomia e le carriere che non riescono a stare attenti alla potenziale natura difensiva di tali sforzi. O identificarsi con le lamentele del paziente riguardo al potere degli uomini e mancare che questa impotenza e rabbia possano avere genesi nella prima infanzia.

Nel 1985, Doris ha presentato la sua critica alla visione di Freud sullo sviluppo femminile durante il Simposio IPTAR sulla fallocentricità e la psicoanalisi.

Dopo la sua morte nel 1990, le sue formulazioni pionieristiche portarono all’istituzione della Sezione commemorativa sul genere di Doris Bernstein all’IPTAR. Questo gruppo inizialmente aveva il compito di creare uno dei primi corsi presso un Analytic Institute on Gender in the Clinical Situation; una serie di presentazioni cliniche di pazienti sia maschili che femminili, su temi quali l’identità femminile principale, il desiderio e il terrore di fusione, differenziazione, ansie genitali, amore e lavoro.

Durante la sua seconda presidenza, nel 1986, dopo molti anni di esclusione, IPTAR si impegnò a far accettare l’Istituto all’IPA. Dopo la visita del sito da parte di un comitato di 3 membri dell’IPA, l’IPTAR è stata accettata come la prima società psicoanalitica interdisciplinare negli Stati Uniti. Questa accettazione fu ufficialmente riconosciuta al Congresso IPA del 1989 e Doris, sebbene malata, fu in grado di essere lì per festeggiare con i suoi colleghi. Morì poco dopo nel 1990.

LILLIAN GORDON (1915-2008)
Institute for Psychoanalytic Training and Research (IPTAR) 

   
di Phyllis Beren e Kathy Krauthamer 

Lillian Gordon è stato uno dei fondatori originali dell’Institute of Psychoanalytic Training and Research (IPTAR). Nacque a New York City nel Bronx, il 16 luglio 1915, ma trascorse gran parte della sua infanzia a Flatbush, Brooklyn. Nonostante l’amore per la scrittura, essendo stata una studentessa durante la depressione, si sentì in dovere di perseguire un campo più pratico. I suoi insegnanti le consigliarono di perseguire il campo della chimica poiché era particolarmente dotata in materia. Lillian ha continuato a ricevere i suoi Bachelor of Arts e poi i suoi Master in Chimica presso la Columbia University nel 1938.


Lillian Gordon

Alla fine della seconda guerra mondiale, l’amica d’infanzia di Lillian May Fine Lipson, un altro fondatore di IPTAR, la presentò a un piccolo gruppo che studiava psicoanalisi nel Greenwich Village. Continuando il suo lavoro di chimica, è entrata a far parte di questo gruppo di studio. Fu l’inizio della sua grande avventura con Freud e la psicoanalisi. La sua traiettoria accademica dallo studio dell’inglese alla chimica e quindi alla psicoanalisi rifletteva il desiderio iniziale di guardare dentro di sé alla ricerca di una comprensione più profonda della vita. La guerra, che era appena terminata, mise in discussione la sopravvivenza della civiltà, come la conoscevano. La fine della guerra ha portato un afflusso di rifugiati politici negli Stati Uniti, tra cui psicoanalisti provenienti da paesi europei. Questi rifugiati hanno contribuito al rapido sviluppo della psicoanalisi. A quel tempo, non c’erano opportunità per gli analisti laici di allenarsi in psicoanalisi. Il gruppo a cui si unì Lillian aveva solo sei membri. Lillian iniziò l’analisi con il Dr. Henry Alden Bunker dell’Istituto psicoanalitico di New York. All’epoca era presidente dell’Istituto e membro del comitato editoriale del Psychoanalytic Quarterly. Nonostante una politica che proibisca la formazione di analisti non medici, il Dr. Bunker era uno dei pochi che non erano d’accordo con questa politica e sentiva che non doveva rispettarla. La sua accettazione di Lillian come analista ha sicuramente aumentato la sua fiducia nel lavoro. I suoi interessi nei sogni, i classici e lo sviluppo culturale influenzerebbero Lillian per tutta la sua vita. Henry Alden Bunker dell’Istituto psicoanalitico di New York. All’epoca era presidente dell’Istituto e membro del comitato editoriale del Psychoanalytic Quarterly. Nonostante una politica che proibisca la formazione di analisti non medici, il Dr. Bunker era uno dei pochi che non erano d’accordo con questa politica e sentiva che non doveva rispettarla. La sua accettazione di Lillian come analista ha sicuramente aumentato la sua fiducia nel lavoro. I suoi interessi nei sogni, i classici e lo sviluppo culturale influenzerebbero Lillian per tutta la sua vita. Henry Alden Bunker dell’Istituto psicoanalitico di New York. All’epoca era presidente dell’Istituto e membro del comitato editoriale del Psychoanalytic Quarterly. Nonostante una politica che proibisca la formazione di analisti non medici, il Dr. Bunker era uno dei pochi che non erano d’accordo con questa politica e sentiva che non doveva rispettarla. La sua accettazione di Lillian come analista ha sicuramente aumentato la sua fiducia nel lavoro. I suoi interessi nei sogni, i classici e lo sviluppo culturale influenzerebbero Lillian per tutta la sua vita. La sua accettazione di Lillian come analista ha sicuramente aumentato la sua fiducia nel lavoro. I suoi interessi nei sogni, i classici e lo sviluppo culturale influenzerebbero Lillian per tutta la sua vita. La sua accettazione di Lillian come analista ha sicuramente aumentato la sua fiducia nel lavoro. I suoi interessi nei sogni, i classici e lo sviluppo culturale influenzerebbero Lillian per tutta la sua vita.

Con l’espansione del gruppo di studio, ogni membro è riuscito a ottenere alcuni riferimenti. Assunsero un nuovo istruttore Geza Roheim, un analista e antropologo ungherese che era stato analizzato da Ferenczi e insegnato antropologia psicoanalitica al New York Institute. Nel l948 fu fondata la National Psychological Association for Psychoanalysis sotto la direzione di Theodore Reik. Quando NPAP iniziò ad assumere studenti, Lillian, insieme ai membri del suo gruppo di studio, si unì alla facoltà e iniziò a tenere un corso sulla teoria dei sogni. NPAP ha iniziato Freudian ma con nuovi membri sono emerse molteplici teorie che erano in conflitto con la teoria classica. I freudiani classici volevano anche ogni seminario privato e NPAP si rifiutò di permetterlo, decretando che chiunque volesse insegnare al di fuori di NPAP doveva andarsene. Lillian ha redatto una lettera di dimissioni e i quindici membri che hanno firmato sono diventati un gruppo di studio e poi un Istituto di formazione analitica che sarebbe poi diventato IPTAR. Il loro curriculum, dedicato alla teoria e alla pratica, ha modellato quello dello psicoanalitico di New York. Il mantenimento di standard e la differenziazione della teoria e della pratica da altre forme di terapia sono emerse come regole di governo. A causa dell’interesse di Lillian per i sogni, ha scelto la teoria dei sogni come primo corso che ha insegnato e che avrebbe insegnato per diversi anni. Ha immaginato IPTAR come aperto a studenti qualificati di tutte le discipline, nonché a persone in seconda carriera di vari settori. Questo gruppo originale era notevole per la sua energia e determinazione, la sua devozione al lavoro, i rischi che correva nel separarsi dal NPAP e la sua sfida all’egemonia medica. Lillian era chiaro, supponente e appassionato di ciò che costituisce la formazione psicoanalitica e di ciò che definisce uno psicoanalista. Credeva nel rendere le ammissioni IPTAR altamente selettive e nel consentire ai candidati tempo sufficiente per immergersi nel lavoro. Aveva forti opinioni su chi fosse adatto alla psicoanalisi ma rispettasse anche altre forme di terapia. Vide la psicoanalisi come unica e da non confondere con la psicoterapia.

Ciò che iniziò con la sua amica d’infanzia May Fine Lipson come una curiosa avventura intellettuale si trasformò in un piccolo gruppo di studio che sbocciò in un istituto psicoanalitico freudiano, che avrebbe definito la passione e la carriera di Lillian per tutta la vita. Lillian ha toccato profondamente molte vite attraverso le generazioni di analisti che ha formato, molti che hanno continuato a dare significativi contributi teorici alla psicoanalisi e alla ricerca e alla pratica clinica. Lillian ha analizzato e supervisionato almeno sei membri dell’IPTAR che sarebbero diventati presidenti e decani dell’Istituto. Era un’insegnante amata, rispettata e brillante. Coloro che ha addestrato l’hanno trovata altamente di principio, gentile e solidale. Un campione dell’analisi laicale, possedeva l’audacia e la tenacia per affrontare le sfide che hanno portato alla fondazione di IPTAR. È stata presidente dell’IPTAR dal 1967 al 1970 e nel consiglio consecutivo per oltre 30 anni. Lillian ha continuato a vedere pazienti e supervisori fino alla sua morte nel 2008 all’età di 93 anni.

Gli autori delle Female Pioneer Analysts dell’Institute for Psychoanalytic Training and Research hanno scelto due dei fondatori originali e uno che era uno dei primi laureati e ha contribuito notevolmente allo sviluppo della nostra sezione Sesso.