28° Congresso della Federazione Europea di Psicoanalisi , STOCCOLMA , Introduzione al tema del Convegno

Stockholm Sweden_   Too Much – Not Enough

28th EPF ANNUAL CONFERENCE

27-29.03.2015 Stockholm, Sweden

Abbiamo scelto per questo 28esimo congresso annuale della Federazione Europea di Psicoanalisi, un titolo che può a prima vista apparire sconcertante. 

Se la nostra vita di ogni giorno, così come la nostra vita di psicoanalisti, sembra essere invasa da un eccesso di stimoli di ogni genere, paradossalmente questa dismisura sembra funzionare a difesa di un senso di insufficienza che niente può sanare. Ci sarà sempre la sensazione che non è “mai abbastanza”, un gusto che lascia scontenti. 

Too much-not enough, troppo ma non abbastanza, rende l’idea della presenza contemporanea delle due facce o dei due aspetti contrastanti di questa questione evidente, come le due facce di una stessa medaglia. 

La realtà esterna e la cosiddetta civiltà “moderna” sembrano essere plasmata dal troppo. L’eccesso e il senso di troppo pieno sono onnipresenti, dalle lamentele più quotidiane e ordinarie (lavorare troppo, mangiare troppo, troppo rumore) alle affermazioni più politiche (troppe statistiche, troppi immigrati, guadagni troppo facili). 

Questo è tanto più vero per quanto riguarda alcuni sintomi del nostro tempo: per esempio troppa eccitazione, che nei bambini può essere sedata con farmaci, nell’anoressia controllando l’assunzione di cibo, negli adolescenti e negli adulti attraverso vari comportamenti sessuali o con l’alcool o altre droghe o anche attraverso le somatizzazioni della cosiddetta “gente comune”. 

Questo too much –not enough, questo troppo ma non abbastanza si riferisce forse alla trasgressione di una norma, di un ideale, come quello di essere equilibrati e giudiziosi? 

http://www.epf-fep.eu

vedi anche: 

(per una nuova ecologia: Leggerezza)

(per una nuova ecologia:Pienezza)