La Ricerca

The language of Bion

8/11/06

The language of Bion si presenta come un dizionario di concetti, quindi più come uno strumento di consultazione occasionale, ma di fatto si fa leggere dall’inizio alla fine: molti lemmi sono dei veri e propri saggi, a volte anche piuttosto estesi, ed è il caso di dire che mai come in questo caso le ripetizioni sono utili e consentono di mettere gradualmente a fuoco concetti che indubbiamente non sono facili da maneggiare sia per una certa quota d’ambiguità che lo stesso Bion riconosceva, e anzi rivendicava, sia perché possono apparire così luminosi da sedurre a un uso stereotipato.

Particolarmente intriganti sono, alla fine di ogni lemma, i rimandi interni e la rubrica critica degli “abusi” (misuses) e dei fraintendimenti (misunderstandings). Altro carattere specifico del lavoro è l’ampio uso di citazioni, e in particolare di citazioni tratte dalla trilogia Memoria del futuro, che molti trascurano, ma di cui Sandler, che ne ha curato la traduzione in portoghese, dimostra l’estremo interesse, la pregnanza teorica e la funzione specifica che essa riveste all’interno del sistema complessivo del pensiero di Bion.

Naturalmente non è possibile dar conto in poche righe di un libro che conta 850 pagine. Mi limito a elencare almeno un altro paio di punti qualificanti. La centralità, nell’interpretazione dell’autore, del concetto di paradosso: quasi ad ogni pagina Sandler ribadisce che se non si riesce a tollerare il paradosso non c’è molto da sperare di cogliere l’essenza delle teorie di Bion336 Poi, l’adozione sistematica della prospettiva storica: affascinante è, ad esempio, il modo in cui sono delineati i vari passaggi evolutivi che portano dal lavoro-del-sogno al concetto “vuoto” di funzione .

L’unico punto debole del volume sta, a mio avviso, in una comprensione non sempre condivisibile del clima epistemologico maturato nella filosofia critica del post-strutturalismo e dei principi che lo ispirano e delle ricadute sulla psicoanalisi cosiddetta post-moderna. Ma questo neo, ammesso che si sia concordi nel considerarlo tale, è ampiamente compensato dai tanti pregi che rendono questa un’opera che non esito a definire indispensabile.

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"La potenza delle immagini" di A. Correale. Recensione di R. Valdrè

Leggi tutto

"Diventare padre" A cura di L. Mori Recensione di P. Meucci

Leggi tutto