“Dislocazioni. Nuove forme del disagio psichico e sociale” A cura di Lorena Preta

DISLOCAZIONI

NUOVE FORME DEL DISAGIO PSICHICO E SOCIALE

A cura di Lorena Preta

Mimesis/Geografie della Psicoanalisi

Anno: 2018

“The time is out of joint”. Questa famosa citazione dall’Amleto di William Shakespeare ben descrive il senso di decentramento e di decostruzione che viviamo nel tempo attuale. Il mondo contemporaneo è dominato da nuove forme di comunicazione, spazi virtuali, biotecnologie che sovvertono la percezione usuale del nostro corpo, ormai assimilabile a quei cyborg, ibridi uomo- macchina prima rappresentati solo nelle fantasie fantascientifiche. Ci troviamo di fronte a nuove definizioni della sessualità, nuove organizzazioni della famiglia che mettono in crisi antichi assetti sociali e psichici. E’ necessario prima di tutto trovare delle zone mentali in cui sia possibile l’elaborazione di questi cambiamenti rifuggendo dal pregiudizio che crea rifiuti indiscutibili ma senza cadere nell’ ovvietà della loro accettazione acritica e senza precipitarsi in agiti che offuscano la loro problematicità. Forse la psicoanalisi può essere uno degli strumenti adatti a svolgere questa funzione.

(Tratto dalla quarta di copertina)

Lorena Preta è Membro Ordinario della Società Psicoanalitica Italiana (SPI) e della International Psychoanalytical Association (IPA). Ha scritto e diretto per molti anni varie serie di programmi scientifici per la RAI-TV. È stata direttore della rivista “Psiche” (Rivista di Cultura della Società psicoanalitica italiana, ed. Il Saggiatore) dal 2001 al 2009. Ha ideato e curato per molti anni Spoletoscienza (Incontri di scienza e cultura all’interno del Festival dei due Mondi di Spoleto). Ha ideato e curato (insieme a Pino Donghi) la collana “Lezioni italiane” presso la casa editrice Laterza. Ha curato molte pubblicazioni, alcune tradotte anche all’estero, tra le quali: La narrazione delle origini (1991); Che cos’è la conoscenza (con Mauro Ceruti, 1991); Immagini e metafore della scienza (1993); La passione del conoscere (1993); Il caso e la libertà (con M. Ceruti, P. Fabbri, G. Giorello, 1994); In principio era la cura (con Pino Donghi,1995); Nuove geometrie della mente (1999). Ha curato Geographies of Psychoanalysis. Encounters between cultures in Theran (Mimesis International 2015). Dirige la collana “Geografie della Psicoanalisi” per Mimesis e la collana “Geographies of psychoanalysis” per Mimesis International. Tra le pubblicazioni più recenti: La brutalità delle cose. Trasformazioni psichiche della realtà (Mimesis Edizioni, Milano-Udine 2015), Cartografie dell’Inconscio. Un nuovo Atlante per la psiconalisi ( Mimesis 2016) e Dislocated Subject (Mimesis International 2018).

 

Vedi anche: