Il sogno necessario. Nuove teorie e tecniche dell’interpretazione in psicoanalisi. Franco Angeli, Milano, 2013

Sogno necessario_immagine_pfreschi_di_s2Dopo cent’anni di psicoanalisi cos’è diventata l’interpretazione psicoanalitica dei sogni? I sogni sono ancora la via regia per l’inconscio? Che significato hanno nel dialogo psicoanalitico? Queste sono solo alcune delle domande alle quali questo libro cerca di rispondere raccontando l’affascinante traiettoria della teoria del sogno da Freud a Klein, Bion, Meltzer, Ogden, Ferro.
Già nel 1908 Karl Abraham esprime l’idea che sul sogno Freud abbia detto tutto quello che c’era da dire. Ma non è così. Ci sono state innovazioni radicali, seguite principalmente all’affermarsi delle correnti relazionali della psicoanalisi. In uno slogan: non lavoriamo più tanto sui sogni quanto con i sogni. Rinunciamo a decifrarne gli oscuri messaggi e ne valorizziamo invece la funzione di trasformazione e di creazione simbolica. Sognare è il modo in cui diamo un significato personale all’esperienza e insieme espandiamo l’inconscio. Come tale, sognare è un’attività necessaria – afferma Bion – che si svolge sia nel sonno che nella veglia.
In questo modo il paradigma del sogno finisce per rivestire un ruolo ancora più centrale che nella teoria psicoanalitica classica. Inteso come il frutto della comunicazione da inconscio a inconscio, il racconto di un sogno è ascoltato come una produzione intersoggettiva attuale. Leggiamo ogni seduta come se fosse un lungo sogno condiviso e concepiamo tutta l’analisi come un interscambio di reverie.
C’è però un problema: lo spazio del sogno è un santuario privato e inaccessibile. Trattando di sogni abbiamo sempre e solo a che fare con parole, mai con immagini. Per questo l’autore intreccia il discorso sul sogno a quello del cinema – secondo una famosa definizione, una “fabbrica di sogni” – citando alcuni film per evocare la materia prima di cui sono fatti i sogni e per ricreare la magia delle loro immagini. Viene esplorato così un nuovo modo di accostarsi alla stoffa viva, stimolante, intrigante o angosciosa dei sogni: come li chiama Simic, i film della nostra vita.

Leggi la recensione di Graziano De Giorgio in LIBRI, Recensioni a Libri Psicoanalitici

Una recensione di questo volume è apparsa, a cura di Francesco Capello, nel sito State of Mind: <http://www.stateofmind.it/2013/07/sogno-necessario-psicoanalisi-recensione/