La balma delle streghe. L’eredità della mia infanzia tra leggi razziali e lotta partigiana.Stella Bolaffi Benuzzi Casa Editrice Giuntina, 2013

LA BALMA_DELLE_STREGHEFRASCHI

 

(Prefazione di Paolo Rumiz)

«… Mi conduce in una vita – la sua – piena di vento e di fratture. La questione ebraica, la paura per le misteriose assenze del padre in tempo di guerra, un amore trovato e perduto, il mondo cittadino borghese e quello religiosoebraico densidi inibizioni e regole che, dopo la parentesi montanara della guerra, le diventano meno comprensibili. E poi la faticosa riemersione alla luce sulle praterie di quota, in mezzo alle scogliere dolomitiche del Trentino, il pendolo tra la vita urbana di Torinoe quella pastorale della Val di Fiemme, definitiva medicina dell’anima.

Mi dice del suo approccio da maschiaccio alla vita, del porto d’armi preso al poligono di tiro del Martinetto popolato di soli maschi in divisa, mi racconta di una mitica grotta delle terre di Lanzo abitata da streghe, la “balma”, che diventa allegoria di un subconscio pieno di incubi rimossi e antiche paure».
(dalla Prefazione di Paolo Rumiz)

Stella Bolaffi Benuzzi, nipote di Alberto Bolaffi, fondatore della nota ditta filatelica, e sorella di Alberto jr., è nata a Torino. Laureata in lettere antiche e filosofia, si è specializzata in psicologia e dopo il training psicoanalitico a Milano è diventata psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana e della International Psychoanalytical Association.

 

 

 

Vedi anche: