Le parole e i sogni, De Giorgio Graziano e Civitarese Giuseppe, Alpes Italia (2015)

leparoleeisogni copertinaDe Giorgio Graziano – Civitarese Giuseppe (2015)

Le parole e i sogni

Alpes Italia

Qual è lo stato dell’arte dell’interpretazione dei sognie del loro utilizzo clinico in psicoanalisi?
In questo volume vari autori tentano di rispondere a questa domanda essenziale da prospettive teoriche differenti.
Essenziale perché il sogno conserva intatto il suo statuto privilegiato non solo nei modelli classici della psicoanalisi, ma anche in quelli più attuali ed emergenti.
 In tutti è ribadito il nesso fondante che vige, non solo in analisi ma anche nella vita, tra le parole e i sogni.
Da qui il titolo, ispirato a una poesia di Elisa Biagini dove le lettere delle parole figurano come l’acqua che nutre ‘la pianta del sognare’.
Viene così sottolineata, come ci ha insegnato Winnicott, la circolarità inscindibile che lega il sognare umano e il linguaggio.
In ogni nuovo nato, perché possa sognare e, quindi, dare un senso personale all’esperienza, una possibilità che in varia misura viene persa nella sofferenza psichica, occorre che sia prima il linguaggio a costruire lo spazio del sogno.
Ma è, anche, grazie alla sua capacità di rêverie che la madre trova le parole più felici per istituire in lui questo spazio.

Leggi l’Introduzione del libro