Memoria ferita aperta, Halyna Grynberg, Giuntina (2017)

Coperta Memoria ferita apertaHalyna Grynberg

Memoria ferita aperta

Mameloshn

Traduzione di Vincenzo Barca

pp. 74, € 10, ISBN 978-88-8057-665-5

Costruito seguendo la grammatica dell’inconscio, che procede a sbalzi e per associazioni a volte non prevedibili, il racconto di Halina Grynberg prova a riannodare i fili spezzati di destini già irreparabilmente consumati. Una madre in continua fuga che cerca inutilmente di sottrarsi all’ingombrante dovere della memoria del suo personale Olocausto, un padre fatuo dongiovanni il cui unico scrupolo di serietà consiste nel visitare annualmente la vecchia madre in Israele. Dalla Polonia alla Siberia e poi Haifa, Marsiglia e un lungo inverno di miseria in una Parigi addolcita dalle bombe alla crema confezionate dal padre panettiere. Fino ad arrivare in un Brasile nel quale ci si riesce a spogliare solo dei vestiti, in una Rio periferica in cui questo sviluppo familiare finirà per esplodere definitivamente. «Tutti e tre alleati nell’incoerenza», i protagonisti, compresa colei che narra, condividono la stessa lingua, la mameloshn degli affetti, della tradizione e della cultura. L’idioma che suggella il patto familiare, che Halina potrà rompere simbolicamente solo abbandonandolo per sempre «nel ventre della notte», insieme a sua madre.

Halina Grynberg è psicoanalista e scrittrice. Vive e lavora a Rio de Janeiro.