“Pensare l’impensabile”. Nina Coltart

“Pensare l’impensabile” 

Autore: Nina Coltart 

Editore: Raffaello Cortina 

Anno: 2017 

Pensare l’impensabile è un classico della psicoanalisi britannica che non era mai apparso in Italia.

Un’analista di grande ingegno ed esperienza clinica propone la sua visione di quelli che sono i fattori terapeutici e non terapeutici in psicoanalisi, della valutazione e dei criteri di analizzabilità, e delle caratteristiche personali che l’analista deve coltivare per praticare la “professione impossibile”.

Nina Coltart descrive con limpidezza alcune situazioni cliniche in cui i sentimenti e i vissuti con cui l’analista è confrontato appartengono al dominio dell’impensabile, come per esempio il silenzio. Molti di questi casi ricorrono nei diversi capitoli, visti e analizzati da punti di vista differenti, diventando familiari per il lettore.

Nina Coltart (1927-1997) è stata una psicoanalista con funzioni di training della British Psychoanalytical Society, ricordata da molti come “una figura leggendaria”. In Italia sono già stati pubblicati Come sopravvivere da psicoterapeuta (Utet, 1998) e Il bambino e l’acqua del bagno (Astrolabio, 1999).

Vedi anche: