News della Presidente

Per informare i Soci della situazione esistente sul piano internazionale, pubblichiamo volentieri il report della dottoressa Luisa Masina, eurorepresentative  del Board dell’IPA.
———————————–

Cari Colleghi,

vi riferisco in modo sintetico il resoconto del Board Meeting che si è tenuto ad Atene dal 17 al 20 gennaio. Le questioni da trattare erano molte, oggetto di tensioni e controversie fra le tre regioni IPA, all’interno di ciascuna regione e fra il Board ( o meglio fra la parte nordeuropea del Board) e la  Governance dell’IPA.

Il Meeting, iniziato con queste difficili premesse, si è tuttavia evoluto positivamente negli ambiti che vi descrivo brevemente per punti.

1) E’ stato approvato all’unanimità dal Board il progetto dell’Educational Committee dell’IPA, “meeting the societies” al quale hanno alacremente lavorato oltre ad Anna Nicolò, Malde Vigneri, Anna Ferruta, Benedetta Guerrini, Riccardo Williams (candidato SPI) e, per l’Esecutivo SPI, anche Gabriella Giustino, Paola Marion e Massimo Vigna-Taglianti. Il progetto prevede incontri periodici fra piccoli gruppi formati dai rappresentanti di tre società, per confrontarsi sulla metodologia del training ; prenderà avvio a Vienna, in occasione del prossimo congresso FEP, dove Giovanni Foresti coordinerà uno di questi gruppi. L’importanza cruciale di questo progetto risiede, oltre che nella sua struttura (che favorisce lo scambio e il confronto e non ha caratteristiche di controllo o di valutazione),  nel suo essere una valida risposta istituzionale all’iniziativa di un gruppo ristretto di psicoanalisti IPA europei (Evaluating  Visiting Project) essenzialmente avversi all’Eitingon Variation, che ha tentato di coinvolgere le società europee, senza alcun avallo da parte dell’IPA; si tratta, infatti, di una  iniziativa autonoma sostanzialmente antistituzionale e potenzialmente foriera di scissioni all’interno dell’IPA.

2) La non facile situazione finanziaria dell’IPA presentata dal nuovo Tesoriere Henk Jan Dalewijk, ha dato agio al Budget and Financial Committee e al tesoriere stesso, di formulare  proposte di drastici tagli all’attività dei Committee e delle Task Force, nonché di aumenti delle quote che ciascuna Società versa annualmente all’IPA. Una lettura più attenta dei dati riportati, combinata con la valorizzazione dell’attività dei Committee da parte di molti membri del Board,  ha permesso sia di ridimensionare l’aumento delle quote (da 50 $ a 25 $ per ciascun membro nel 2021), sia di impedire riduzioni troppo drastiche del budget dei Committee e delle Task Force, che ne avrebbero, di fatto, paralizzato le attività. Sono state approvate raccomandazioni per una limitazione delle spese superflue, in particolare l’incremento delle riunioni on line e la limitazione di quelle in person.

3) Il Board ha esaminato in modo attento e approfondito la documentazione relativa alla questione degli Archivi Khan, giungendo a formulare all’unanimità il seguente parere : “The Board gave serious and lengthy consideration to the question of the Khan papers. It concluded that the actions taken were lawful, proper and were motivated by the paramount responsibility of safeguarding psychoanalytical confidentiality.”
Board of the IPA January 19th, 2020

4) Vi è stato un proficuo scambio con il Chair del Committee che si occupa  dell’inclusione dei nuovi gruppi nell’IPA, Claudio Eizirik, che lavora di concerto con l’Applicant Societies Committee, di cui è chair Giovanni Foresti. Il Committee ha risposto alle preoccupazioni e alle sollecitazioni di molti Presidenti delle Società europee, concordando su una valutazione individuale dei membri dei nuovi gruppi per l’ammissione all’IPA, invece che su una valutazione random di una percentuale dei componenti.

5) E’ stato anche approvato l’importante progetto della Task Force on Representation (di cui fa parte Stefano Bolognini), che riguarda una maggior partecipazione dei Presidenti delle Società all’IPA, progetto che si caratterizza per la formazione di gruppi inter-regional di Presidenti, cioè gruppi composti da Presidenti appartenenti alle tre regioni IPA, nel rispetto di una mentalità IPA e non confinati nei federalismi delle singole regioni.

6) E’ stata votata la composizione della Task Force on remote analysis in training, di cui fa parte il nostro collega Andrea Marzi.

Concludo, osservando che se le notizie che vi ho riportato sono incoraggianti e per certi versi molto migliori di quanto ci si poteva attendere, non bisogna tuttavia dimenticare che l’IPA è una realtà ampia, estremamente variegata nella sua composizione e agitata al suo interno da movimenti sotterranei e manifeste turbolenze con un ampio margine di imprevedibilità.
Il prossimo Board si svolgerà a giugno a Rio de Janeiro.
Il Board europeo si riunirà mensilmente on line e, in person, a Vienna al  Congresso FEP.

un caro saluto a tutti
Luisa Masina