Memoria Implicita

Sigalit Landau, 2005
Sigalit Landau, 2005

Memoria Implicita

A cura di Cristiana Pirrongelli

Le memorie implicite sono particolari tipi di memoria che contengono esperienze non passibili di ricordo cosciente né verbalizzabili. Le prime  ricerche neuroscientifiche attorno ad esse datano tra la fine degli anni 80 e i primi degli anni 90 (M. J. Cohen 1980, M. Mishkin e T. Appenzeller 1987, H. L. Roediger 1990, D. L. Schacter 1992,  L. R. Squire 1994, E. Kandel 1989, 2002,  J. LeDoux 1994 etc.) fino alle più recenti, legate soprattutto al team di Cristina Alberini, allieva di Kandel (2009, 2011, 2014).

 

Cenni storici

Già Freud (1887, 1904, 1914,1924, 1937) aveva sottolineato l’esistenza di ricordi d’infanzia molto precoci, di cui non si ha memoria, che lasciano però, tracce indelebili nell’individuo.

La mancanza di memoria di tali episodi è opera della rimozione o dello spostamento che evita così l’esistenza di memorie perturbanti.  Nonostante Freud indicherà nelle libere associazioni, nel transfert e nel sogno vie per accedere a questa forma di memoria depositaria di tracce o episodi particolarmente rilevanti degli albori della nostra vita, non approfondirà mai tali aree precoci.

Melanie Klein (1928) per prima si focalizzerà sull’importanza delle esperienze edipiche e pre-edipiche precoci, pre-verbali e pre-simboliche. Successivamente (dagli anni 50) a partire dagli analisti del “Gruppo di mezzo” (W. Fairbairn, D. Winnicott, M. Balint, J. Bowlby, Guntrip etc.), altri autori psicoanalitici si sono avventurati nello studio delle memorie implicite inconsce e non rievocabili. Ricordiamo W. Bion (1965), R. Money-Kirle (1978), H. A. Rosenfeld (1987), M. Mancia (1998), I. Matte Blanco (2000), D. Meltzer (1987), C. Bollas (1987), Pally R (1997), J. S. D. Stern (1998), A. H.  Modell, P. Fonagy, D. (1998, 1999) Siegel (1999), J. Holmes (2000) Gabbard G. O., Westen D. (2005) e altri. Tra i neuroscienziati, G. Edelman (1991,1993), LeDoux (1994, 2013) A. Damasio (2000), W. Bucci (2001, 2002), E. Kandel (2002), C. Alberini (2009, 2011, 2013, 2014).

 

Definizione del concetto

Le memorie implicite possono contenere tre diversi tipi di apprendimenti mnemonici:

1) Il Priming: è una proprietà di origine evolutiva che consiste nella capacità di riconoscere uno stimolo, cui si è stati esposti sia pur a un livello subliminale di coscienza (percettivo, semantico o concettuale), che può essere riconosciuto le volte successive senza averne consapevolezza;

2) La Memoria procedurale, che contiene esperienze motorie, percettive o cognitive, che ci portano ad acquisire comportamenti motori automatici come l’andare in bicicletta o suonare uno strumento; compiere una serie di azioni quotidiane come il vestirsi e il lavarsi; acquisire alcune abilità, cognitive o percettivo, come riconoscere “al volo” una persona dal modo di camminare.

3) Infine le Memorie emotive e affettive sono le memorie più antiche, tra cui la memoria “intrauterina” della voce e dell’ambiente materno, e le prime relazioni sensoriali ed emotive del neonato con la madre e con l’ambiente esterno.

Mauro Mancia (1998, 2003, 2006, 2008), neurologofisiologo e psicoanalista italiano, si è particolarmente dedicato allo studio delle memorie implicite dei primi due anni di vita individuando in esse un ponte di interesse tra la psicoanalisi e le neuroscienze. Tali memorie implicite infantili pur essendo elementi inconsci, non sono materiale rimosso perché la rimozione richiederebbe l’integrità delle strutture neurofisiologiche, tipo l’ippocampo, la corteccia temporale e le orbito-frontale che maturano verso i due anni di età. L’amigdala, invece, è già presente e coinvolta nella registrazione di tali memorie, soprattutto di quelle traumatiche.

Tali memorie non diventeranno mai del tutto consce, in quanto fissate nella memoria emozionale implicita, ma lasciano tracce mnestiche responsabili di abitudini “caratteriali” di tipo emozionale e di schemi di comportamento secondo modalità per lo più inconsce e automatiche. Non si avrà mai la possibilità di conoscere il loro stato di relativa attivazione o disattivazione e di avere la capacità riflessiva sul perché della reazione emozionale in corso (come nelle reazioni di transfert).

Queste memorie influenzano enormemente la nostra vita ed emergono negli agiti transferali, negli schemi transferali-controtransferali e nel sogno, che attraverso la sua finzione simbolo-poietica, permette una trasformazione di questi aspetti preverbali e presimbolici in esperienze in qualche modo “dicibili” e, quindi, accessibili alla coscienza.

A queste Memorie emotive ed affettive vanno aggiunte le Memorie traumatiche, spesso soggette a difese di tipo dissociativo come l’amnesia, la fuga dissociativa, la derealizzazione e la depersonalizzazione. Le tracce delle Memorie Traumatiche si possono presentare alla nostra osservazione in numerosi modi ma  non necessariamente sono rievocabili. In essi, è la componente emotiva, spia della loro salienza, a fungere da attivatore della loro archiviazione, con una partecipazione prioritaria dell’amigdala (a differenza delle memorie esplicite e rievocabili che vedono l’ippocampo come elemento primariamente implicato) nonché, di neocorteccia, corpo striato e cervelletto.

Studi recenti (Alberini et al. 2014, Inda et al. 2011, Alberini 2011) riportano come la memoria, compresa quella implicita, non sia statica bensì soggetta ad una continua programmazione e riprogrammazione e come, con il passare del tempo, si riattivi più volte per via di eventi impliciti o espliciti, compreso anche quanto accade durante l’attività di riposo e il sonno.

 

Tecniche di lavoro sulle memorie implicite

Le tecniche di lavoro sulle memorie implicite, soprattutto quelle legate a vissuti spiacevoli o traumatici, devono tenere conto della variabile tempo e dell’esistenza di specifiche “finestre terapeutiche” al di fuori delle quali la semplice rievocazione del ricordo, non è, di per sé, utile alla sua elaborazione; al contrario, la rievocazione può funzionare come un possibile fattore di riconsolidamento e stabilizzazione del ricordo, (Finsterman C. et al 2015). Se, però, nel corso della rievocazione si produce un’ “interferenza” di tipo adeguato (fenomeno per il quale il richiamo alla memoria di un’informazione può essere ostacolato da un’altra informazione fonetica o semantica, da un intervento chimico o comportamentale o situazionale),  si assiste a un significativo indebolimento o addirittura a una perdita del ricordo (Przybyslawski J. 1997, Nader K. et al. 2000, Nader K. 2015, LauZhu 2019). Nella fase di “labilizzazione”  si può intervenire modificando, indebolendo o addirittura vanificando il ricordo. A ridiventare temporaneamente labili, sarebbero soprattutto le componenti emotive, piuttosto che quelle cognitive. Per chi utilizza il trattamento psicoanalitico e psicoterapeutico, nei casi di disturbo post-traumatico da stress, depressione, fobie e in genere dei disturbi che hanno a che fare con memorie perturbanti implicite parzialmente o per nulla rievocabili, questo dato è di grande utilità.  Ciò che vive nella memoria implicita, secondo la maggioranza degli psicoanalisti, può essere raggiunto in analisi attraverso il lavoro sul sogno, l’attenzione alle dinamiche transferali e controtransferali, agli enactment, all’ascolto prosodico della voce (Di Benedetto, 2000; Mancia 2004; Correale 2006), e a elementi extraverbali come l’osservazione dell’espressività facciale e posturale e altri elementi sensoriali e percettivi (la terapia sensomotoria di Pat Ogden 2016), capaci di creare risonanze evocative nelle memorie implicite non rappresentabili.

Altri, come Stern e il suo gruppo (1998), hanno teorizzato modi diversi per arrivare a incidere sulla memoria procedurale, come i “now moments”, i momenti di autentico incontro tra analista e paziente, le “sloppyness”, una sorta di “svagatezza che favorisce le libere associazioni” e i WFM, acronimo usato dalla polizia per definire “i terribili dannati momenti”, imprevedibili e bizzarri, magari carichi di disagio o tensione da parte di entrambi: paziente e terapeuta. Mancia precisava che la sua prospettiva differiva da quella del Boston Group cui appunto apparteneva D. Stern, insieme a  E. Tronick  ed altri psicoanalisti, in quanto, ai fini del processo terapeutico, non è sufficiente un’esperienza emozionale correttiva, ma l’inconscio non rimosso dell’infanzia necessita di una “ricostruzione”, ossia di una interpretazione, di una possibilità di rappresentazione e di una “storicizzazione” (Mancia 2003).

Le metodiche d’intervento sulle memorie implicite patogene, sono, ancora in una fase di studio sperimentale. Secondo le più recenti acquisizioni neuroscientifiche, nella situazione analitica, che potrebbe di per sé rappresentare un esempio di “interferenza” poiché relazione priva di esperienza negativa o traumatica, positivamente empatica, il ricordo primitivo non è comunque passibile di modifica né di diverso riconsolidamento: quello che può accadere è che se ne aggiunga uno nuovo (C. Alberini e E. Kandel 2014, Nader K.2015) che metta a disposizione del paziente una nuova memoria non traumatica che può costituire una risorsa per arrivare a sostenere e ad elaborare l’antico ricordo.

 

Bibliografia

Alberini C. M. (2009) Transcription factors in long-term memory and synaptic plasticity. Physiol Rev 89:121–145.

Alberini C. M. (2011) The role of reconsolidation and the dynamic process of long term memory formation and storage. Front Behav Neurosci5:12.

Alberini C. M., Ledoux J. E. (2013). Memory reconsolidation. Curr Biol. 2013 Sep 9;23(17):R746-50.

Alberini, C. M. (2014). Memoria: traccia fragile e dinamica, in Cena, L., Imbasciati, A. (2014),  Neuroscienze e teoria psicoanalitica. Milano: Springer

Alberini C. M., Kandel E. R. (2014).The regulation of transcription in memory consolidation. Cold Spring Harb Perspect Biol. Dec 4;7(1):

Ammanniti, M., Gallese, V. (2014). La nascita dell’intersoggettività. Milano: Raffaello CortinaBalint M., (1952). L’amore primario Trad. ed R.Cortina, Milano 1991

Bion, W. R. (1965). Trasformazioni. Il passaggio dall’apprendimento alla crescita. Roma: Armando, 1973.

Bollas B. (1987). The Shadow of the Object Free Association Books: 1987 Columbia University Press).

Boston Group for the Study of Change Process (Stern D. L.W. Sander, J. P. Nahum, A. M. Harrison, Bowlby, J. (1969). L’attaccamento alla madre. Torino: Boringhieri, 1972.

Bucci W. (2001). Pathways of emotional communication. Psychoanal.Inq. 21:40-70.

Bucci W. (2002). The Language of Emotions. Evolution and Cognition, 8, 2: 172-183.

Correale A. (2006). Linee di sviluppo del gruppo di studio su “Memoria implicita, Neuroscienze e Psicoanalisi” nell’ambito del gruppo di studio nazionale della SPI su Psicoanalisi e Neuroscienze. Pubbl. su “Psychomedia” Scienze e pensiero. Psicobiologia e Neuroscienze. 2006

Damasio A. R., (2000). Emozione e coscienza, Adelphi, Milano, 2000

Di Benedetto A. (2000). Prima della parola. Milano, FrancoAngeli.

Edelman G. M. (1991). Il presente ricordato, Rizzoli, Milano

Edelman G. M. (1993). la materia della mente, Adelphi, Milano.

Finsterwald C.  et al. (2015).  From Memory Impairment to Posttraumatic Stress Disorder-Like Phenotypes: The Critical Role of an Unpredictable Second Traumatic Experience. J Neurosci. Dec 2; 35(48): 15903–15915.

Fonagy P. (1998). Moment of change in psychoanalytic theory: discussion of a new theory of psychic change. Science, Vol. 19(3), 346-353.

Fonagy P. (1999). Memory and therapeutic action. International Journal of Psychoanalysis, 80, 215-223.

Freud S. (1887–1904). Lettere a Wilhelm Fliess. Bollati Boringhieri, Torino

Freud S (1899).  “Ricordi di copertura” id.OSF 2

Freud S (1914). “Ricordare, ripetere, rielaborare id. OSF 7

Freud S (1924). Note sul notes magico id.OSF 10

Freud S (1937). Costruzione in analisi” id. OSF11

Gabbard G. O., Westen D. (2005). Ripensare l’azione terapeutica. L’annata psicoanalitica internazionale 1:51-73 (Borla). Tradotto da Gabbard G.O. & Westen D. (2003). Rethinking therapeutic action. Int.J.Psycho-Analysis, 84, 823-841.

Holmes, J. (2000). Memory and therapeutic action, Letters to the Editor. Int.J.Psychoanal., 81: 353-355.

Inda M. C, Muravieva E. V, Alberini C. M. (2011) Memory retrieval and the passage of time: from reconsolidation and strengthening to extinction. J Neurosci 31:1635–1643.

Jacoby L. L., Witherspoon, D. (1982). Remembering without awareness. Canadian Journal of Psychology, 36(2),300–324.

Kandel (2002a,b).  Emozione e coscienza. Adelphi, Milano.

Klein, M. (1928). I primi stadi del conflitto edipico. In: Scritti 1921-1958, Torino: Boringhieri, 1978, pp.214-226.

Klein M. (1946). Note su alcuni meccanismi schizoidi. In: Scritti 1921-1058, Torino: Boringhieri,  1978,pp.526-535.

Klein M. (1928). I primi stadi del conflitto edipico. In: Scritti 1921-1958, Torino: Boringhieri, 1978, pp.214-226.

Klein M. (1946). Note su alcuni meccanismi schizoidi. In: Scritti 1921-1058, Torino: Boringhieri, 1978, pp.526-535.

Klein M. (1958). Sullo sviluppo dell’attività psichica, Scritti 1921-1958. Torino: Boringhieri, 1978, pp.540-550.

Lau-Zhu A., Henson R. N., Holmes E. A. (2019).  Intrusive memories and voluntary memory of a trauma film: Differential effects of a cognitive interference task after encoding. J Exp. 2019 Apr 25.

LeDoux, J. (1994). Emozioni, memoria e cervello. Le Scienze 53 (312): 32-40.

LeDoux J, Paulson S, Aciman A, Schacter D, Winter A. (2013). The mystery of memory: in search of the past. Ann N Y Acad Sci. Nov;1303:36-55.

Lyons-Ruth K., Morgan A. C., Bruschweiler-Stern, N.,Tronick E. Z.) (1998). “Non  interpretive mechanisms in psychoanalytic therapy: The ‘something more’ than  interpretation”. n. 5/1998 dell’International Journal of Psychoanalysis.

Mancia M. (1998). Coscienza Sogno Memoria. Roma: Borla.

Mancia, M. (2003). Dream actors in the theatre of memory: their role in the psychoanalytic process. International Journal of Psychoanalysis, 84(4), 945-952

Mancia, M. (2004a). Sentire le parole. Archivi sonori della memoria implicita e musicalità nel transfert. Bollati Boringhieri, Torino.

Mancia, M. (2006). Psicoanalisi e Neuroscienze. Springer-Verlag. Implicit memory and early unrepressed unconscious: Their role in the therapeutic process (How the neurosciences can contribute to psychoanalysis). International Journal of Psychoanalysis, 87(1), 83-104.

Mancia M. (2008). The early unrepressed unconscious in relation to Matte-Blanco’s thought. International Forum of Psychoanalysis, Vol. 17 Issue

Matte Blanco I. (2000). L’inconscio come insiemi infiniti: saggio sulla bi-logica, (a cura di P. Bria), Torino, Einaudi, 2000

Meltzer D. (1984). Dream-Life. Clunie Press, Londra

Mishkin, M., Appenzeller T. (1987). L’anatomia della memoria. Le Scienze 39 (1987) in Le Scienze Quaderni “Apprendimento e Memoria” 82: 13-21, 1995

Modell, A. H. (2003). Imagination and the meaningful brain. MIT Press.

Money-Kyrle, R. (1978). Scritti 1927-1977(introduzione e cura di M. Mancia) Torino: Boringhieri, 2002 (1ª ed. Torino: Loescher, 1984

Nader K., Schafe G. E, LeDoux J. E. (2000). Fear memories require protein synthesis in the amygdala for reconsolidation after retrieval. Nature 406:722–726.

Ogden P., Fisher J. (2016). Psicoterapia sensomotoria, Raffaello Cortina Editore

Pally R. (1997).  Memory: brain systems that link past, present and future. Int. J.Psychoanal., 79: 903-921. 78: 1223-1234.

Przybyslawski  J, Sara S. J. (1997).  Reconsolidation of memory after its reactivation. Behav Brain Res. 1997 Mar;84(1-2):241-6.

Roediger H. L (1990). Implicit memory: Retention without remembering. Am Psychol 45 (9): 1043-56.

Rosenfeld H. A. (1987). Comunicazione e interpretazione. Torino: Bollati Boringhieri, 1989

Schacter, D. L., Church, B. A. (1992). Auditory priming: Implicit and explicit memory for words and voices. Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory, and Cognition, 18(5), 915–930

Schacter D. L. (1995). Implicit memory: A new frontier for cognitive neuroscience. In The cognitive neurosciences, ed. MS Gazzaniga, Cambridge, MA: MIT Press.

Schacter D. L. (1998). Memory and awareness. Science 280: 59-60

Schore, A., Siegel, S. J. (1999) Right Brain Affect Regulation: An Essential Mechanism Of Development, Trauma, Dissociation, And Psychotherapy. PhDUCLA David Geffen School of Medicine (1999). La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale, Milano: Cortina.

Siegel S. J. (1999). La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale, Milano: Cortina.

Squire L. R. (1994). Declarative and Nondeclarative Memory: Multiple Brain System Supporting Learning and Memory, in Schacter D.L. – Tulving E. (1994) (eds) Memory Systems, The MIT Press, Cambridge (Mass).

Squire L., Kandel E. (2002a). La memoria non cosciente. Le Scienze Dossier “La memoria” 14: 60 65.

Stern D. N. (1998). The process of Therapeutic change involving implicit knowledge: some implication of developmental observations for adult psychotherapy. Infantil mental Health Journal, Vol. 19(3), 300-308.

Stern, D. N. et al. (1998). Non-interpretative mechanisms in psychoanalytic therapy: the ‘something more’ than interpretation. Int. J. Psychoanal., 79: 903-921.

Winnicott D., (1965). Sviluppo affettivo e ambiente. Trad. ed. Armando, Roma 1970.

Vedi anche: