“Otto Fenichel. Psicoanalisi metodo e storia” a cura di Alberto Angelini

Otto Fenichel 

PSICOANALISI METODO E STORIA

A cura di Alberto Angelini 

Editore: Alpes

Anno: 2018

 

Questa antologia delle opere di Otto Fenichel (1898-1946) contiene lavori editi sia in Europa, sia negli Stati Uniti, dov’egli trascorse l’ultima parte della sua vita. Sono articoli, finora, relegati nell’oblio, ma di grande interesse teorico e storico, con forti implicazioni sociali e politiche, oltre a considerevoli riverberi sulla clinica. L’antologia è preceduta da un saggio introduttivo che evidenzia l’aspirazione di Fenichel a fondare la psicoanalisi su basi metodologiche improntate alla razionalità e ispirate alla scientificità. Egli, già negli anni trenta, percepiva l’incombere, nel movimento psicoanalitico, di idee antirazionaliste e, più in generale, antilluministe che trovano spazio anche ai giorni nostri.

Nella sua giovinezza, Fenichel fu, per un periodo, in sintonia teorica con Wilhelm Reich e volle, come quest’ultimo, sostenere la dimensione scientifica della psicoanalisi fondandola sulla filosofia materialista marxista. Non sono importanti i limiti di questo tentativo, che acquisisce il giusto significato solo quando viene inserito nel suo contesto storico. È, però, interessante e provocatoria l’idea di una psicoanalisi che, basandosi metodologicamente sul materialismo filosofico e sulla razionalità, possa divenire il fulcro dell’intera psicologia.

Nella Germania dominata dal nazismo l’austera Associazione Psicoanalitica Tedesca, non intendeva entrare in conflitto con le autorità. Quindi non era semplice, per Fenichel, un’aperta assunzione di responsabilità politica o un diretto richiamo al lavoro di autori marxisti. Per aver trasgredito questi limiti, Reich fu espulso dall’Associazione Psicoanalitica Internazionale, nel 1934. Tuttavia il pensiero di Fenichel, che aveva visitato la Russia sovietica, appare interessato e influenzato dagli stessi argomenti che, pochi anni prima, avevano entusiasmato gli animi degli psicoanalisti russi. Nel titolo di un suo lavoro, si trova, perfino, una eco delle preziose idee di Aleksander Luria.

Quando, nel 1938, Fenichel si trasferì negli USA, questo retroterra ideologico, proveniente dal periodo europeo della sua attività, non venne recepito dal rigido e conformista mondo psicoanalitico americano. I suoi contributi, di carattere politico e sociale, furono rimossi e taciuti, accantonando un periodo fecondo nell’impegno intellettuale di un eccezionale pensatore. Lo sviluppo della sua opera fu promosso, essenzialmente, nella prospettiva clinica. Il Trattato di Psicoanalisi (1945) conquistò il rango di un modello della più classica formazione psicoanalitica; ma la ricchezza metodologica e storica del pensiero di Fenichel fu trascurata. Ciò costituisce una sensibile mancanza rispetto alla collocazione di quest’autore nella storia del movimento psicoanalitico.

I lavori contenuti in questa raccolta aspirano a rendere giustizia all’entusiasmo civile, oltreché scientifico, di un uomo che, per una stagione della sua giovinezza, credette generosamente di poter comprendere e migliorare la società anche con gli strumenti offerti dalla psicoanalisi.

(Dalla quarta di copertina).

Alberto Angelini, Psicoanalista; ha insegnato Psicofisiologia nell’Università “La Sapienza” di Roma e svolto ricerche nell’Istituto di Psicologia del CNR. Diplomato in Regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia (CSC). Già consulente dell’ONU e docente di Psicologia clinica presso l’United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute (UNICRI). Direttore responsabile della rivista Eidos: Cinema Psyche e Arti visive, dal 2004 e direttore vicario della rivista Letteratura e Cinema. Autore di oltre cinquanta articoli scientifici e di diversi volumi, tradotti in più lingue. Opere principali: La psicoanalisi in Russia, prefazione di C. Musatti (1988); Psicologia del cinema, prefazione di L. Mecacci (1992); Pionieri dell’inconscio in Russia, (2002); Un enciclopedista romantico (2009); Psicoanalisi e Arte teatrale (2014).

Vedi anche: