Piero della Francesca. Le prospettive dell’anima, Pierluigi Moressa,Raffaelli Editore (2016)

piero della francescaPierluigi Moressa (2016)

Piero della Francesca. Le prospettive dell’anima

Raffaelli Editore, pp. 136

“Molti dipictori biasimano la prospectiva perché non intendono la forza delle linee e degli angoli che da essa se producano, con li quali commensuramente ogni contorno e lineamento se descrive, perho me pare de dovere mostrare quanto questa scientia sia necesaria alla pictura.” (Piero della Francesca, De prospectiva pingendi, 1474 ca.)

Pierluigi Moressa è medico psichiatra. Dopo aver lavorato a lungo al servizio delle istituzioni pubbliche, svolge ora attività privata. Membro associato della S.P.I. (Società Psicoanalitica Italiana) aderente all’I.P.A. (International Psychoanalytical Association), è socio del Centro Psicoanalitico di Bologna.
Giornalista pubblicista, si interessa da tempo del rapporto tra processi di pensiero e attività creativa. Suo campo d’indagine sono le arti tradizionali e la poesia. Collabora con la stampa, attraverso rubriche culturali, con attenzione anche alla ricerca di un possibile parallelo tra vicende biografiche ed espressioni della mente dell’artista. Sostiene che l’opera d’arte, come tutte le manifestazioni della creatività e della felicità del vivere, non debba essere spiegata, ma soltanto accostata rispettosamente, con attenzione a ciò che l’autore ha inteso trasmettere. In questo si realizza un possibile contatto con la “poetica dei sentimenti”.

Vedi in Spiweb la recensione di Laura Ravaioli alla mostra di Forlì 23 febbraio 26 giugno 2016