Amour

Dati sul film: M. Heneke, Francia, Austria, Germania, 2012, 105 min.

{youtube}zSQmUSk1Q5U{/youtube}

Giudizio: 5/5 *****

Genere: Drammatico

Recensione: Palma d’Oro a Cannes 2012

Perché andare o meno a vedere il film – La versione dello psicoanalista:

Imperdibile. Essenziale. Sublime. Ma, a me pare, non commentabile…Proviamoci così, con la parola del poeta…

                                  Cara, in una lacuna del dolore,

                                  in un forame della nostra pena.

                                  quel gaudio luminoso

                                  del silenzio delle cose.

                                  quella radiosità inattesa

                                  dell’aria, della pietra

                                  e quell’assenza di fogliame…

                                  Sì, quella passeggiata in paradiso

                                  che per grazia ci fu data

                                  qui e insieme…

                                   Su lei cadde la scure

                                  della temporalità impietosa,

                                  pure non ne troncò alcuna cima,

                                  non ne decapitò la luce.

                                  Luce

                                  era, di tutto unico seme. Luce

                                  è ancora, per questo inarrestabile.

Mario Luzi, 1990

 

Poesia della quale evidenzio il passaggio emblematico:

…cadde la scure della temporalità impietosa…

 

ottobre 2012