Big Mouth Commento di A. Cordioli

Autore: Anna Cordioli

Titolo: “Big Mouth”

Dati sulla serie: creatori Nick Kroll, Andrew Goldberg, Mark Levin, Jennifer Flackett, USA, 2017, in corso, Netflix

Genere: Serie Animata

 

 

 

Finalmente si parla di sessualità! Intendiamoci: l’universo delle serie pullula di corpi nudi, di sesso esplicito, malizie e parate di bizzarria. Insomma, è la fiera del passaggio all’atto! Ma è davvero raro trovare una serie che dia voce alla sessualità come motore dell’evoluzione psichica e propulsore della vita fantasmatica: BigMouth è proprio questo!

La serie, ora alla terza stagione, tratta della pubertà, ovvero quel tremendo periodo della vita in cui il corpo cambia, sviluppandosi, a qualcuno prima ad altri poi. La canzone della sigla – un piccolo capolavoro – canta “Sto attraversando dei cambiamenti”, mentre sul video si vedono peli arborescenti, seni in lievitazione e ghiandole tremebonde.

I personaggi della serie sono dei ragazzini di prima media e le loro famiglie. Non appena un preadolescente raggiunge la pubertà, appare al suo fianco una sorta di spirito guida, il mostro degli ormoni, che comincia a sussurrargli oscenità divertentissime e nuovi pensieri mai pensati prima. Gli Hormon monsters sono sia una guida che e un tormento e, attraverso le stagioni, accompagneranno i nostri eroi nel difficile compito di appropriarsi della sessualità pubere. Nel corso della serie appariranno anche altri mostri psichici come lo spettro della vergogna e il gatto della depressione. E ce ne sarà anche per gli adulti come ad esempio la strega della menopausa.

In fondo anche gli adulti vengono guardati e studiati, dai ragazzi.

Una cosa da sapere di “Big Mouth” è che vi farà ridere per cose davvero oscene e vi farà giare di colpo a controllare che nessuno abbia sentito l’audio del computer, ma vi farà anche pensare tantissimo e ricordare con dolcezza quell’età così imbarazzante.

Sconsiglio vivamente di guardare “Big Mouth” con i figli, potrebbe essere imbarazzante, ma spero altrettanto vivamente che tutti si cimentino in almeno un paio di puntate. Fidatevi: seguiranno gruppi di discussione.

 

Aprile 2020

In un tempo in cui la sessualità viene edulcorata, negata o pornografata, questa serie rende davvero giustizia al potere del mondo interno coi suoi fantasmi, fa ridere moltissimo  ma è molto seria!

 

Aprile 2020