Breaking Bad. Commento di E. Marchiori

Autore: Elisabetta Marchiori

Titolo: “Breaking Bad”

Genere: drammatico

Dati sulla serie: creata da Vince Gillian, USA, 5 stagioni, 62 episodi (2008 -2013), Netflix

 

 

 

 

 

Considerata una delle migliori serie e tra le più viste di sempre, ha fatto incetta di Golden Globe ed Emmy, tutti ampiamente meritati, basta scorrere le molteplici recensioni sul web. Il titolo “Breaking Bad” è geniale e potente nell’evocare il tema portante della storia: una rottura devastante, una caduta verso il Male. Il suo creatore Vince Gilligan (quello di “X Files”) lo spiega con l’espressione ‘to raise hell’, che significa creare problemi, mandare tutto all’inferno.

Protagonista è Walter White (Bryan Cranston), un professore di chimica di mezza età, frustrato e pieno di rabbia repressa, con un figlio adolescente affetto da paresi cerebrale e la moglie inaspettatamente incinta, cui viene diagnosticato un cancro ai polmoni inoperabile. Walter non ha un’assicurazione che gli permetta di pagare le cure necessarie e nulla da lasciare alla famiglia quando morirà. Decide così di sfruttare le sue conoscenze di chimica per produrre e vendere metanfetamine, facendosi aiutare da un suo ex studente ora spacciatore, Jesse Pinkman (Aaron Paul), e diventa così il criminale, famigerato “Heisemberg” .

Come le anfetamine, questa serie crea indubbiamente fenomeni di dipendenza nello spettatore: una volta iniziata, non si riesce a staccarsene.

La storia mantiene un ritmo e un fascino inesorabili. I vari personaggi che via via compaiono sulla scena insieme a Whitman prendono vita e consistenza psicologica, trasformandosi profondamente, facendo emergere parti di Sè sconosciute e oscure, e così anche le relazioni tra loro subiscono evoluzioni e cambiamenti. Ogni dettaglio ha un senso, una specifica funzione, permettendo a dinamiche psichiche profonde di venire alla luce. Gilligan lavora con precisione assoluta e ineguagliabile che gli permette di affrontare temi di enorme portata non solo psicologici ma anche etici, sociali e culturali.

Ma ne hanno già scritto abbastanza in troppi: chi ama le storie questa non può perderla, è un “cult”, magari si potrebbe già definirla “un classico”.

Nel 2019, Vince Gilligan ha mantenuto la promessa di regalare ai fans il film sequel “El Camino: Il film di Breaking Bad “(El Camino: A Breaking Bad Movie), un’occasione per capire anche le strette connessioni che si sono sviluppate nel tempo tra film e serie.