Cinema e Psicoanalisi – Brescia 2011

"L’AMORE E L’UMANO"
06-12-26 Ottobre 2011

REPORT CONCLUSIVO

 

La prima edizione della rassegna "Cinema e Psicoanalisi" organizzata a Brescia e dedicata al tema "L’amore e l’umano", si è svolta attraverso la proiezione di tre film: "Two Lovers" (2008 – di James Gray, con il commento di Simonetta Diena) il 6 ottobre 20119, "Nelle tue mani"( 2007 – di Peter del Monte, con il commento di Gabriella Giustino) il 12 ottobre 2011 e "La solitudine dei numeri primi" (2010 – di Saverio Costanzo, con il commento di Francesca Codignola) il 26 ottobre 2011. L’iniziativa ha suscitato un significativo interesse da parte del pubblico bresciano, come testimoniato dalla consistente affluenza alla prima proiezione: il cinema che ha ospitato la rassegna non è stato in grado di accogliere tutti i presenti, tanto che circa 120 persone non hanno potuto assistere alla proiezione del film a causa dell’esaurimento dei posti a sedere disponibili (circa 220). L’interesse del pubblico è stato confermato anche nei due appuntamenti successivi: in entrambi i casi, la sala si è riempita di un pubblico attento e incuriosito. Oltre al prevedibile interesse da parte degli "addetti ai lavori" (psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, etc.), è stato particolarmente rilevante il coinvolgimento da parte del pubblico "generico", che si è dimostrato attratto soprattutto dalla possibilità di assistere al commento del film da parte di uno Psicoanalista.

In molti, infatti, sono intervenuti alle proiezioni pur avendo già visto i film, interessati all’opportunità di cogliere e apprendere un punto di vista diverso e, come emerso dai commenti recepiti in sala, spinti dall’aspettativa di poter indagare il proprio vissuto attraverso il filtro interpretativo dei relatori a partire da quello dei personaggi dei film.

A nostro avviso, il commento e la discussione finali si sono rivelati determinanti per il gradimento del pubblico, che ha manifestato attenzione e partecipazione in quanto le riflessioni proposte dallo Psicoanalista presente hanno privilegiato interrogativi vicini alla propria esperienza personale. Lo stile comunicativo dei commenti ha favorito interventi da parte del pubblico "non specialistico", creando in generale un’atmosfera piuttosto vivace, interessata e soddisfatta.

Per quanto riguarda i film proposti, "Two Lovers" e "Nelle tue mani" si sono rivelati maggiormente fruibili da parte del pubblico. Queste due pellicole hanno promosso una più facile comunicazione dei movimenti d’identificazione attraverso interventi e commenti anche originali. Mentre "La solitudine dei numeri primi", per il tema delle dinamiche psicopatologiche dei personaggi che sfiorava appena la relazione amorosa, crediamo abbia contribuito ad alimentare un’atmosfera di maggiore saturazione nel pubblico.

Nel complesso, però possiamo dire che questa prima edizione bresciana di "Cinema e Psicoanalisi" ha registrato un buona partecipazione e un buon interesse da parte di un pubblico ricettivo a proposte culturali legate alla Psicoanalisi. È stata dunque richiesta a più voci una riedizione per l’anno a venire.


Vincenzo Greco