Settimana 1

Lo psicoanalista è nudo!

 

Pietro Roberto Goisis

 

Con quale atteggiamento uno psicoanalista si appresta a vedere e commentare la serie italiana di In Treatment? Tenendo conto che tratta del suo lavoro e che conosce molto bene e ha apprezzato la serie originale… Ho pensato a come sarebbe opportuno stare quando si vede un film tratto da un libro molto amato. “Senza memoria e senza desiderio” direbbe uno dei nostri maestri; lo stesso atteggiamento con il quale in genere si iniziano le sedute con i nostri pazienti. Concetto che per me significa assenza di preconcetti e di aspettative costruite nella mia mente. Condizione verso la quale si può solo tendere, come una posizione zen o un atteggiamento meditativo. Realizzare quindi quella “nuda attenzione” che un’altra collega ci ha raccomandato.

Come un bambino, uno sciocco, un ingenuo o un essere curioso e interessato al mondo. Anche Giovanni Mari, lo psicoterapeuta che Sergio Castellito abilmente interpreta, lui non nuovo a questo ruolo (era un giovane ed entusiasta neuropsichiatra infantile ne Il grande cocomero di Francesca Archibugi, 1993), a me è sembrato nudo, quasi indifeso nel suo studio del quale chiude accuratamente  a chiave una fragile porta a vetri  dopo ogni seduta. Questa misteriosa psicoanalisi che “solo chi ha provato può conoscere”, diventa un oggetto meno oscuro. Anche tra noi terapeuti ci si dice sempre: “dobbiamo mostrare davvero quello che diciamo e facciamo!”. In treatment, seppur con la fiction, lo realizza. Onorario compreso…

Senza mai dimenticarci che è in primo luogo uno sceneggiato che parla della vita di un terapeuta e dei suoi pazienti, e, solo di conseguenza, parla di psicoterapia. Giovanni, secondo il mio stile e il mio modo di essere uno psicoanalista, commette degli “errori”. Non dà la mano ai pazienti quando li saluta; passa al tu, involontariamente prima e consapevolmente poi, solo perché Sara glielo chiede, non si accorge del tipo di transfert che lei ha sviluppato, non comprende alcune comunicazioni, forse fatica ad accedere ai piani più profondi; sembra spaventato con Dario, al quale lancia una sfida; gestisce a fatica la contro aggressività con Lea e Pietro … In realtà, chi di noi non commette mai errori? Non vedo pietre volare…

D’altra parte Giovanni è anche un analista molto attento, ascolta con pazienza, cerca di sviluppare e stimolare la capacità di pensare dei suoi pazienti, partecipa ai loro racconti, si mette in gioco, coltiva il dubbio e la riflessione. Sembra davvero ben rappresentare “due persone che parlano in una stanza”. A volte, poi, parla più con i gesti che con le parole, come quando porge la coperta a Sara che ha freddo (“L’elogio della stufetta”…), sorride con Alice, trova abilmente il modo di “prenderla”, le procura una cannuccia per dissetarsi. Non tutti, e non sempre, sono capaci di gesti e di comunicazioni di questo tipo e al momento giusto.

Certamente è anche un semplice essere umano, a volte in difficoltà, in un momento di crisi. A tratti è pure difficile aiutarlo come ci mostra bene il suo rapporto conflittuale con Anna, la sua supervisore/terapeuta. Aspetto che consente di capire maggiormente la complessità di una terapia. Una domanda per tutti: da quale lato della scrivania è più facile stare? Su quale delle due poltrone?

6 aprile 2013

 

pubblicato anche su sky.it