Cultura e Società

“The Disciple”di C. Tamhane. Commento di E. Marchiori

7/09/20
“The Disciple”di C. Tamhane. Commento di E. Marchiori

Autore: Elisabetta Marchiori

Titolo: “The Disciple” (“Il discepolo”)

Dati sul film: regia di Chaitanya Tamhane, India, 2020, 128’, in concorso

Genere: drammatico

 

 

 

In odore di Leone, se non d’Oro almeno d’Argento, è il film “ The Disciple” del regista indiano Chaitanya Tamhane,  già vincitore dei Premi Miglior Film della Sezione  Orizzonti e Leone del Futuro  nel 2014 con “Court”. L’amico Alfonso Cuarón, Leone d’Oro con “Roma” nel 2018, ne è il produttore esecutivo e un po’ se ne ne percepisce la – forse – indiretta  influenza. In comune i due film hanno la lentezza dei tempi e la sottigliezza della trama, oltre a un percepibile autocompiacimento registico.

Il film conduce lo spettatore del tutto ignorante – come me – di musica indiana, in una full-immersion di suoni e voci che risulta a tratti ipnotizzante e a tratti sgradevole. La musica classica indiana, ho imparato, ha una tradizione millenaria portata avanti da maestri entrati a far parte di una sorta di mitologia, e diventare un interprete stimato richiede dedizione, esercizio, spiritualità, fede.

La lezione di storia di musica si apprende attraverso la vicenda del protagonista Sharad Nerulkar ed è  narrata utilizzando flash-back, in un continuo avanti e indietro tra infanzia, età adulta e adolescenza, presente e passato, tanto da risultare difficile distinguere il giovane uomo da quello più adulto, se non fosse per i baffetti e il girovita che si espande. Il padre di Sharad, cantante di poco talento e scrittore di biografie su musicisti famosi, proietta sul figlio la sua frustrazione e sin da piccolo lo spinge ad esercitarsi, a seguire le lezioni di famosi maestri e a partecipare a esibizioni. Mentre Sharad cresce, però, il mondo cambia, e così pure la musica che si ascolta: anche in India hanno successo i talent show, tutt’altro che impregnati di spiritualità. Sharad, che non è nemmeno lui così talentuoso, ma invidioso e arrabbiato, costretto ad aprire gli occhi e a ridimensionare la idealizzazione delle sue figure di riferimento, quando il suo guru diventa troppo anziano e malato per seguirlo e incoraggiarlo, non può fare altro che accettare i suoi limiti e adeguarsi alla realtà.

Una chiave di lettura che rende interessante questo film è quella del rapporto tra maestro e discepolo, della capacità del primo a trasmettere le proprie conoscenze e del secondo ad apprenderle, a differenziarsi e a emanciparsi. La morale è che si può insegnare tutto, tranne il talento, e non vale solo per la musica.

 

Settembre 2020

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"Vidblysk" (“Riflesso”) di V. Vasjanovych. Recensione di P. Ferri

Leggi tutto

“Maternal” di M. Delpero. Recensione di V. Marchesin e M. Montemurro

Leggi tutto