Cultura e Società

Gemma Bovery

6/02/15

Dati sul film: regia di Anne Fontaine con Fabrice Lucchini e Gemma Arterton, Francia, 99’.

Genere: drammatico

Trailer: 

Trama. Si muore di noia in Normandia. Nonostante la dolcezza della natura, il calvados, la trasparenza dell’aria e quella luce. Emma Bovary e Flaubert ne sapevano qualcosa. Sarà anche per questo che la gente non si fa gli affari suoi. Così un fornaio malinconico e sognatore comincia a interessarsi della coppia di inglesi che si è stabilita nella casa di fronte, colpito dalle coincidenze: si chiamano Charles e Gemma Bovery, il nostro fornaio e’ un colto lettore di Flaubert e siamo in Normandia.
Gemma è una giovane donna che conserva l’incanto di un’adolescente appena sbocciata. Ovviamente il fornaio ne è sedotto: “dieci anni di tranquillità sessuale andati in fumo” e un’ossessione che si sviluppa. Gemma sembra assomigliare sempre di più a Emma: lui teme che finisca per avvelenarsi con l’arsenico. La vita in certi momenti, dice a Gemma citando Oscar Wilde, imita l’arte.

Andare o non andare a vedere il film. Andare, senza dubbio. Un film delicato, raffinato, originale, con un buon ritmo e momenti di irresistibile comicità. Gli si perdona lo sguardo che a volte troppo indugia sulla protagonista e una certa aria da Mulino Bianco che soffia nella panetteria.

La versione dello psicoanalista. Il desiderio è uno dei temi del film. Il desiderio che succeda qualcosa. Il desiderio che arrivi qualcuno a movimentare l’esistenza, a ridestare i sensi. Il desiderio di desiderare del fornaio e il desiderio di essere desiderata di Gemma. La conclusione sembra suggerire un’ interpretazione di Emma/Gemma come vittima di quel desiderio maschile che ha bisogno di suscitare.
Più interessante l’implicito invito a riflettere sul rapporto fra letteratura e vita, fra arte e vita grazie alla mise en abyme di una storia dentro una storia dentro un film. Costretta ad aderire a Emma, Gemma si ribella e rivendica una sua identità, personaggio in cerca di un autore che la rappresenti e le dia vita propria. “La vita in certi momenti imita l’arte”: la regista mostra, attraverso il conflitto Emma/Gemma e la sorprendente conclusione della vicenda, come la vita arrivi a superare l’arte, ma lo mostra dentro a quella forma d’arte che è, appunto, un film. L’arte si prende cosi una rivincita sulla vita: perché la vita supera sempre l’arte. E l’arte lo sa, di qui la sua malinconia.

Febbraio 2015

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"Vidblysk" (“Riflesso”) di V. Vasjanovych. Recensione di P. Ferri

Leggi tutto

“Maternal” di M. Delpero. Recensione di V. Marchesin e M. Montemurro

Leggi tutto