Cultura e Società

Il sale della terra

27/10/14

Dati sul film: di Wim Wenders e Giuliano Ribeiro Salgado, I-F-Brasile, 2014, 100 min.

Autore: Jones  De Luca, Stefania Nicasi

Trailer: 

Trama: Il film di Wenders, costruito come una lunga intervista, ripercorre la vita e l’opera del fotografo brasiliano Sebastiào Salgado. Il materiale fotografico attinge dall’immensa opera del reporter: è accompagnato dai commenti e dalle riprese del figlio che negli ultimi anni ha viaggiato con lui e trasporta lo spettatore dentro le realtà e gli avvenimenti più drammatici della storia contemporanea per approdare infine all’ultima grande opera, “Genesi”, una mostra fotografica nella quale si ritrova il rapporto con la terra e la sua  cura.

Andare o non andare a vedere il film: Il film è da vedere per il suo valore documentario, per la bellezza delle fotografie che a pieno schermo sprigionano tutta la loro forza, per la capacità geniale del reporter – e del regista –  di rendere avvicinabile l’inavvicinabile, per continuare ad avere speranza dopo l’eccidio .

Nello sfondo si muove il figlio del fotografo che cerca di conoscere il padre.

La versione dello psicoanalista: Wim Wenders e Sebastiào Salgado sono quasi coetanei. Fin dalle prime inquadrature si percepisce la sintonia del regista e del fotografo nell’esperienza che li accomuna: “disegnare la luce” nel tentativo di spiegarsi il mondo attraversato nel corso di una vita. Il tema centrale del film, la malattia  e la  guarigione del  pianeta, si riflette e si ripete nella  malattia e nella guarigione  del protagonista che si è ammalato dopo il prolungato contatto con la crudeltà della sua specie. Lo spettatore è catturato all’interno del processo e lo rivive.

Il tema della guarigione, che interessa da vicino lo psicoanalista, si declina in questo caso come una “riparazione”. Dopo il film, si può leggere il libro autobiografico di Salgado: “Dalla mia terra alla terra” (edito in Italia da Contrasto, 2014).

La grandiosa visione dei sistemi viventi nella loro complessità e nel loro muoversi in collettività sempre più ampie illumina il lavoro analitico a contatto con il dolore e lo arricchisce. Le immagini intense sottolineano la dipendenza reciproca nella vicenda umana dei legami con la  terra, la specie, le comunità, la famiglia.

Un nuovo ritorno alla natura? O piuttosto la determinazione a usare tutti i mezzi disponibili per una riparazione pensata come possibile? 

ottobre 2014

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"Il cattivo poeta" di G. Jodice. Recensione di G. Mattei

Leggi tutto

"A Chiara" di J. Carpignano. Recensione di G. Stanziano

Leggi tutto