Cultura e Società

Carnage — Commento dalla mostra del cinema di Venezia 2011

9/09/11

Roman Polansky, Fr-G-P-E, 2011,
79 min.

{youtube}vvHuaywXcrQ{/youtube}

 

Commento di Maria Vittoria
Costantini

 

Il film di Polansky  "Carnage" è un film intelligente e gradevole
anche se, a tutti gli effetti, è più una piece teatrale, dal momento che si
svolge in una unica stanza, piuttosto che un film vero e proprio, almeno per la
mia idea di cinematografia.

Molto ben condotto con interpreti
eccezionali come Jody Foster, Kate Winslet e Christopher Waltz ha un ritmo
perfetto e ti prende dall’inizio alla fine.

E’ la storia di due coppie di
genitori che si incontrano per discutere la vicenda accaduta nel parco tra i
rispettivi figli; c’è stato un litigio e alla fine uno dei due ha picchiato
l’altro rovinandogli i due denti incisivi.

A partire da ciò si snoda una
vicenda di relazioni umane incredibili e di legami tra i quattro personaggi che
di volta in volta si alleano tra di loro, ora tra le due coppie, ora tra le due
donne, ora tra i due uomini ora in modo incrociato, ora tutti contro tutti dando
luogo a tutti i generi di affetti e di vissuti davvero esemplari.  Un vero campionario di psicopatologia
individuale e di coppia giocato su un’ironia per niente bonaria ma decisamente
amaramente divertente. Difficile descriverli perchè si rovinerebbe il piacere
del film e sarebbe riduttivo perché il gioco di proiezioni e identificazioni,
dinieghi e svelamenti tra le rispettive coppie si possono comprendere solo
nello snodarsi degli scambi relazionali proprio come avviene in una seduta. Un
po’ alla volta uno per uno i personaggi si manifestano per quello che sono
intimamente nelle loro meschinerie ma anche nel loro vero credo e nella
sofferenza e l’incontro sembra divenire una seduta di gruppo.

Il finale molto ci dice sulla
acutezza psicologica del regista nell’analisi del mondo dei bambini rispetto a
quello degli adulti.

Forse un po’didattico, ma molto,
molto piacevole.

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"Vidblysk" (“Riflesso”) di V. Vasjanovych. Recensione di P. Ferri

Leggi tutto

“Maternal” di M. Delpero. Recensione di V. Marchesin e M. Montemurro

Leggi tutto