Cultura e Società

L’era Legale

18/01/12


Enrico Caria, Italia, 2011, 76′

{youtube}VSmFQzGxWpY{/youtube}

Giudizio: *** (3/5)

Genere: mockumentary

Recensione: un film originale nella sua forma tra il documentario – immagini di repertorio e interviste a personaggi reali – e il surreale. Un film che ha destato interesse e curiosità al Torino Film Festival. Enrico Caria, che è anche vignettista (“Cuore”, “La Repubblica” etc.) e scrittore, mostra Napoli in tutte le sue contraddizioni: degrado/bellezza, vitalità/violenza, rassegnazione/coraggio. Siamo nel 2020, Nicolino Amore, uomo qualunque, eletto sindaco quasi per caso, diventa porta parola della voglia di legalità, di correttezza, di riscatto di una città ferita dalla malavita e dalle connivenze politiche.

Perché andare o meno a vedere il film? Molti gli spunti che fanno sorridere, altri potrebbero stimolare discussioni; ad esempio, su l’eventualità di legalizzare le droghe se veramente si vuole sconfiggere il narcotraffico. Una favola metropolitana, che accende la speranza rispetto a cambiamenti che sembrano impossibili, come lo stroncare il potere camorristico.

Qual è lo specifico psicoanalitico: Non vi può essere salute mentale in una società in cui predominano illegalità e corruzione. In ognuno di noi può esserci un conflitto tra la tendenza a conformarsi, a rinunciare, a soffocare il dissenso, a sottomettersi a poteri forti esterni e interni (quella cricca di fantasmi onnipotenti, perversi e distruttivi, di cui parlano Meltzer e H.Rosenfeld) e la spinta coraggiosa ad affermare un pensiero più autonomo, critico ed oppositivo. Solo se può affermarsi questa spinta, e il lavoro analitico va in questa direzione, si avrà l’opportunità di rimettere in moto una forza interna vitale e trasformativa.

Gennaio 2012

 

 

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"The French Dispatch" di W. Anderson. Recensione di A. Meneghini

Leggi tutto

“Madres paralelas” di P. Almodovar. Recensione di A. Falci

Leggi tutto