Cultura e Società

The Iron Lady

14/02/12

Phyllida Lloyd, Gran Bretagna, 2012, 105 min.

 {youtube}wRWmbIWtMPY&feature=fvst{/youtube}

Giudizio: 4/5

Genere: biografico

Recensione: A dispetto di critiche piuttosto tiepide (tranne che per la folgorante interpretazione di Meryl Streep), un film delicato e a tratti commuovente sugli attuali giorni di vita dell’anziana Margaret Thatcher, ex primo ministro inglese e oggi alle prese, come ogni essere umano, con le perdite della vecchiaia (l’amato marito, la vita politica), con la lotta contro il decadimento e la demenza, in una sapiente miscellanea di passato e presente, memoria e lutto, che ne danno un ritratto umanamente ricco di sfaccettature, un coté privato che accompagna la vita pubblica con uguale forza e dignità. Un film che non lascia indifferenti, ma tocca il cuore….

Perché andare o meno a vedere il film?: Occasione di ripercorrere un pezzo di recente storia europea (peraltro drammaticamente simile all’oggi), attraverso la biografia di un grande personaggio femminile a cui la regista non dedica tanto uno scavo psicologico profondo quanto un ritratto emotivamente pregnante, non scontato, in cui la Streep sa entrare e far entrare tutti noi con toccante partecipazione. Allo squallore dell’attuale politica, si contrappone qui tutta l’umanità e il sofferto decadere di una di quelle personalità che sembrano oggi scomparse dalla scena pubblica.

Quale’ lo specifico psicoanalitico: Più di uno, a mio avviso, ma soprattutto il maneggiamento della perdita, il doloroso lavoro di lutto di una vita che va a concludersi, e che chiama a raccolta tutti i suoi oggetti a cui è tenacemente ancorata, e che deve lasciar andare. Bellissima uscita di scena del fantasma di Dennis, marito ormai morto da anni e con cui Margaret continua dentro di sè a dialogare, quasi allucinandolo: per non diventare folle, deve lasciarlo andare. E lo stesso per il passato da premier, e infine la vita stessa. Lasciar andare i nostri oggetti perduti, questo lo sbocco di ogni vita, per grande che sia stata….

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"A Chiara" di J. Carpignano. Recensione di G. Stanziano

Leggi tutto

"Vidblysk" (“Riflesso”) di V. Vasjanovych. Recensione di P. Ferri

Leggi tutto