Cultura e Società

La ragazza che ero, la riconosco. Schegge di autobiografie femministe. A cura di Silvia Neonato

12/04/18

La ragazza che ero, la riconosco

Schegge di autobiografie femministe 

A cura di Silvia Neonato

Contributi di Maria Alacevich, Marta Baiardi, Rossana Cirillo, Maria Pia Conte, Silvia Neonato, Marina Olivari, Giulia Richebuono, Giovanna Sissa 

Editore: Iacobelli 

Anno: 2017 

La foto di copertina è di Maddalena Bartolini

Genova, anni Settanta: molte donne, come in altre città italiane, partecipano al movimento femminista che riempie le piazze. Ma fanno contemporaneamente anche un lavoro più nascosto, riunendosi in collettivi nelle case e nelle sedi più o meno provvisorie che la politica povera della sinistra extraparlamentare poteva mettere a disposizione in quegli anni. Quel lavoro, vera e propria pratica politica definita “autocoscienza”, ha segnato la vita di tutte ed è l’eredità che le ragazze del ’68 lasciano alle donne venute dopo. A quarant’anni di distanza, otto protagoniste di quel collettivo femminista genovese si sono reincontrate, per provare a raccontare che cosa è successo nel frattempo a ciascuna di loro e al mondo. Questi frammenti di biografie femministe illuminano una stagione di forte impegno ancora troppo lacunosamente ricostruita, affondando nella storia personale di ognuna, nelle differenze di classe e collocazione, nelle reciproche relazioni e nelle vicende di una città, dal dopoguerra a oggi.

(Dalla quarta di copertina)

Silvia Neonato, giornalista e saggista, è nata e vive a Genova. Ha lavorato alla RAI e per molti anni nel mensile NoiDonne per poi rientrare nella sua città e diventare responsabile delle pagine culturali del Secolo XIX. Componente della Società Italiana delle Letterate (SIL), di cui è stata presidente (2012-2013), fa parte del collettivo redazionale della rivista Leggendaria. Per i tipi della iacobellieditore ha recentemente curato (con Roberta Mazzanti e Bia Sarasini) il volume collettaneo L’invenzione delle personagge (2016).

 

 

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

“Saggi sul Puer” di James Hillman. Recensione di D. D’Alessandro

Leggi tutto

Poesie al telefono. Intervista a D. Ferrari A cura di D. Scotto di Fasano

Leggi tutto