Cultura e Società

Il lettino come simbolo della psicoanalisi

10/01/11

In occasione del XIV Congresso della Società Psicoanalitica Italiana su “Identità e cambiamento. Lo spazio del soggetto” è stata presentata la mostra “Il lettino come simbolo della psicoanalisi“.

Ora diventa accessibile a tutti: illustra come la psicoanalisi è presente nei diversi territori della cultura e come la sua influenza  si è diffusa, tramite il suo simbolo  centrale: il lettino su cui si distende il paziente, con accanto l’analista che lo ascolta, con mente aperta e accogliente.

Il lettino ‘significa’ una dimensione culturale importante: un assetto relazionale attraverso il quale si raggiungono aspetti del mondo del soggetto, che spesso sono silenziati e oscurati dalle “evidenze” dei ragionamenti consci.

Nella società attuale, apparentemente aperta, ma barricata dietro ideologie di false evidenze, vengono ignorati e non ascoltati elementi del mondo umano, inconsci e consci, che la situazione del rapporto analitico  può figurare  e rendere accessibili.

Questa esigenza di accedere all’essere umano nella sua complessità e ricchezza risulta proprio dalla diffusa presenza del simbolo del lettino in tutti i settori della cultura del Novecento, che vengono illustrati in sette Sezioni.

Si parte dalla Presentazione del simbolo (lettino,divan, couch).
Si procede illustrando come Freud utilizzò il lettino e come lo usano gli analisti oggi, per poi mostrarne la presenza nelle opere d’arte (letteratura, pittura,cinema). Una Sezione interessante è quella costituita dalle copertine di libri su svariati argomenti che utilizzano nel titolo il simbolo del lettino per significare ‘analisi approfondita’.
Infine, un pannello illustra i risultati di una ricerca fatta dall’Università La Sapienza di Roma su come gli analisti di oggi utilizzano il lettino nelle loro terapie, rispetto ad altri setting.

Anna Ferruta

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

J. Koundelka: RADICI Roma, fino al 16/05/21 Commento di M.G. Vassallo

Leggi tutto

"Aria" T. Saraceno, Firenze, fino al 1/11/20. Commento di M.G. Vassallo

Leggi tutto