Cultura e Società

Identità Nascoste, Quasi una detective story tra letteratura e psicoanalisi

10/11/06

Il libro, prezioso per gli specialisti, è una lettura accessibile anche ai non addetti ai lavori. Un’introduzione molto documentata descrive i numerosissimi casi in cui si può dimostrare una fondatezza e un’utilità del confrontare un’opera con la biografia dell’autore per offrirne un punto di vista psicoanalitico. Il testo è il risultato dell’incontro dei due amori dell’autrice, la letteratura e la psicoanalisi e con amore e tenerezza è scritto. Così l’autrice accompagna il lettore a conoscere l’infanzia di Joyce e di Flaubert , a scoprire dietro lo scrittore francese, esteta egoista e francamente scostante, un’autentica insostenibile tristezza dell’essere, ad individuare i motivi psicologici che portano i celebri amanti, Don Giovanni e Casanova , ad esistenze che si condannano alla solitudine più totale.

Alla fine della lettura la mia sensazione è che a tutti i personaggi, sia della fantasia, sia della storia, “analizzati” dall’autrice, si possa estendere la considerazione finale dedicata a Joyce.: “Poiché per tutta la vita trovò persone disinteressate che gli offrirono amicizia e mezzi, dobbiamo pensare fosse dotato di una seduttività involontaria o più probabilmente presentasse una sostanziale fragilità e una muta ma urgente richiesta di soccorso, che erano percepite al di là della sua altezzosità e del suo proporsi come una creatura eccezionale cui tutto era dovuto”.

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

Riletture

Leggi tutto

"Niente di vero" di V. Raimo. Recensione di D. Federici

Leggi tutto