Cultura e Società

L’ analista fa il detective tra Freud e Montalbano – Corriere della Sera 28/02/2012

7/02/12

Introduzione : La pubblicazione di «Psicoanalisi in giallo – L’ analista come detective» – (Cortina editore, 194 pagine) a cura di Antonino Ferro, Giuseppe Civitarese, Maurizio Collovà, Giovanni Foresti, Fulvio Mazzacane, Elena Molinari e Pierluigi Politi- offre alla giornalista Lilli Garrone insieme a Giovanni Foresti e Fulvio Mazzacane l’occasione di una ricostruzione del lungo rapporto tra Giallo e psicoanalisi, a partire da Freud, intorno a temi comuni dell’indagine, delle congetture e della colpa.(Silvia Vessella)

 

CORRIERE DELLA SERA 28-02-2012

LILLI GARRONE

San Lorenzo Un libro mette insieme la psicoterapia e il giallo.
L’ analista fa il detective tra Freud e Montalbano
Presentazione Alla libreria Assaggi interverranno anche due dei co-autori: Fulvio Mazzacane e Giovanni Foresti
Il primo – si può dire – è stato il regista americano Alfred Hitchcock che nel film del 1945 «Io ti salverò», interpretato da Ingrid Bergman e Gregory Peck, usa la psicanalisi per risolvere un giallo: quello dell’ assassinio di un giovane e talentuoso dottore Antony Edwards del quale Gregory Peck-John Ballantyne avrebbe preso inconsciamente il posto. Sogni, ricerche, simbologia per arrivare alla soluzione del caso: lo psicanalista – in questo caso una donna – diventa così un detective. E in fondo la domanda alla base sia della psicanalisi che del cinema o del romanzo poliziesco è la stessa: di chi la colpa? È dunque talmente simile l’ interrogativo che unisce queste scienze che adesso è arrivato un libro: «Psicoanalisi in giallo – L’ analista come detective» (Cortina editore, 194 pagine) a cura di Antonino Ferro, Giuseppe Civitarese, Maurizio Collovà, Giovanni Foresti, Fulvio Mazzacane, Elena Molinari e Pierluigi Politi. Verrà presentato stasera alla libreria Assaggi (via degli Etruschi 4 a San Lorenzo alle 20.30, subito dopo il Freud’ s bar alle 19) da Gioacchino De Chirico, dallo scrittore Beppe Sebaste, e da due dei co-autori: Fulvio Mazzacane, segretario scientifico del Centro psicoanalitico di Pavia e Giovanni Foresti, segretario della Società psicoanalitica italiana. Dunque il modo in cui funziona un giallo e quello in cui si dipana un’ analisi sono talmente affini che i sette autori del libro, un affiatato gruppetto di psicoanalisti pavesi, lo svolgono a tanti livelli, non tralasciando di parlare di due dei più famosi detective dei nostri giorni, il tenente Colombo e il Commissario Montalbano. Dal racconto di storie di alcuni casi clinici, a quelli più letterari, gli autori ricordano come la letteratura poliziesca nasca con Edgard Allan Poe, in un periodo storico di poco precedente i primi lavori di Freud. Quindi anche temporaneamente c’ è un legame da non sottovalutare, del quale gli autori parlano nella prefazione: «La decisione di scrivere alcuni lavori psicoanalitici partendo dalla letteratura gialla – dicono – non è stata per il nostro gruppo solo un esercizio di stile. Vi sono vari elementi che giustificano un libro in cui la psicoanalisi viene avvicinata al romanzo giallo e alle sue evoluzioni, non ultimo il fatto che questo genere letterario nasca in un periodo appena precedente i lavori di Freud». E così come «l’ investigatore è dotato di estrema fiducia nel suo metodo basato su procedimenti logici infallibili… – scrivono gli autori – allo stesso modo l’ analista affianca alle verità interpretative altre funzioni, che diventano necessarie se si accetta l’ immersione nelle turbolenze del campo analitico». Dunque i meccanismi della detective story possono a peno titolo essere accostati a quelli di una indagine nella mente del paziente, dato che in ogni caso si parte da congetture in cui il «colpevole» non è facilmente identificabile. E se il commissario Montalbano o il tenente Colombo procedono guidati da ragione e scienza, sicuri del trionfo della verità, dall’altra parte l’ analista, attento osservatore delle vicende del paziente, è mosso dalla convinzione che il suo intervento interpretativo porterà alla soluzione migliore.

 

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

La cura della salute mentale in un Manifesto, D. D’Alessandro, Huffington post, 22/10/21

Leggi tutto

“Marci su Roma” e razzismo. Il rifiuto radicale della convivenza civile. S. Thanopulos, il Manifesto 16/10/21

Leggi tutto