Di nuovo, “L’uovo del serpente”? di Claudio L. Eizirik SPPA

Federazione brasiliana di psicoanalisi – Febrapsi
31 maggio alle ore 15:29 ·

Osservatorio psicoanalitico – 169/2020

Saggi su eventi sociali, culturali e politici in Brasile e nel mondo.

DI NUOVO, “L’UOVO DEL SERPENTE”?

Cláudio Laks Eizirik – SPPA

A marzo 2018, dopo aver partecipato al Congresso europeo di psicoanalisi a Varsavia, dove il tema dell’Olocausto è stato affrontato coraggiosamente, da un punto di vista umano e psicoanalitico, siamo andati a Cracovia e abbiamo trascorso una giornata ad Auschwitz.

 

Nulla di ciò che leggi, ascolti, vedi in film, documentari o serie, è paragonabile a ciò che accade in questa visita al più grande cimitero a cielo aperto d’Europa. Tutto ad Auschwitz è orribile: il cancello d’ingresso, con la sinistra e perversa frase “Il lavoro rende liberi”, le file dei visitatori, che assomigliano alle file dei prigionieri sulla via della morte, gli edifici di mattoni scuri, ogni scena di degrado e di cattiveria umana, le camere a gas, i capannoni di legno, il silenzio opprimente, i racconti meccanici delle guide, le foto e i film delle persone pochi minuti prima che si trasformassero in cenere e soprattutto il freddo. C’è un freddo acuto e permanente che nessun indumento, per quanto caldo, è in grado di contenere: il freddo della morte.

 

Per Hanna Arendt (2005), che ha identificato la banalità del male, “i campi di concentramento e di sterminio dei regimi totalitari servono da laboratorio dove è dimostrata la credenza fondamentale del totalitarismo – tutto è possibile -. I campi non sono solo destinati allo sterminio delle persone e al degrado degli esseri umani: servono anche all’orribile esperienza di eliminare la spontaneità come espressione del comportamento umano e trasformare la personalità umana in una semplice cosa ”.

 

André Green (1988) sottolinea che il mostro freddo e crudele della distruttività si unisce alle figure più tradizionali del male; dice che il male è insensibile al dolore degli altri: ignora la sofferenza degli altri e, al contrario, cerca di aumentarla, mostrando così le sue origini narcisistiche. Green considera l’Olocausto la forma di male più estesa e completa, poiché corrisponde a un male che deriva dalla desoggettualizzazione, a causa della pulsione di morte. Così il sadismo impressiona meno di quanto non faccia l’efficacia del suo rendimento e la crudeltà sembra meno terribile dell’ardore per l’ordine e la pulizia nello sterminio sistematico.

 

In breve, il nazismo e ogni cosa associata a questo è una crudele negazione dei valori e dell’etica umana, due pilastri fondamentali della democrazia e della psicoanalisi.

 

Pochi giorni fa, Abraham Weintraub ha paragonato un’operazione della polizia federale contro alcuni sospetti di finanziare manifestazioni contro la democrazia e di diffondere false notizie alla famigerata “Notte dei cristalli”.

 

La “Notte dei cristalli” fu un grande attacco organizzato dal governo nazista contro gli ebrei in Germania, il 9 novembre 1938, consistente nella distruzione, rottura dei vetri, incendio di negozi, sinagoghe e altri stabilimenti, con più di mille vittime e 30 mila persone arrestate e inviate nei campi di concentramento. Questo evento è considerato l’inizio formale delle persecuzioni che avrebbero visto 6 milioni di ebrei e milioni di altre persone uccise dal regime nazista.

 

Poco dopo la dichiarazione del ministro, entità e autorità ebraiche nazionali e internazionali hanno protestato fortemente contro un simile affronto, che offende la memoria e la tragedia del popolo ebraico e di milioni di persone che hanno vissuto l’Olocausto. Per me, come per molti altri brasiliani, sia ebrei che non ebrei, che hanno un minimo di nozione storica, etica e di decenza, l’ utilizzo di tale episodio per  giustificare  azioni criminali da parte di persone o istituzioni è un affronto che non può  essere accettato.

 

Diversi membri dell’attuale governo hanno citato il nazismo. Gli esempi sono tanti incredibili e falsi: dire che il nazismo è un movimento di sinistra (Ernesto Araújo, Bolsonaro, 2018); usare estratti dai discorsi di Goebbels, con la musica  di Wagner come sottofondo (Roberto Alvim, 2020); confrontare l’uso dell’isolamento sociale attuato per prevenire la diffusione  del coronavirus con i campi di concentramento (Ernesto Araújo, 2020); usare il famigerato motto “Il lavoro rende liberi” (SECOM, 2020); l’usare il latte, simbolo di vita,  come simbolo di purezza e di  supremazia della razza bianca. (Bolsonaro, 2020). Tutto ciò può essere visto come la chiara espressione dell’ispirazione nazista e fascista dell’attuale governo. Ma c’è di più, ogni giorno.

 

All’alba di domenica 31 maggio, un gruppo di persone in abiti neri, maschere di film horror e torce ha protestato di fronte alla STF (Tribunale Supremo Federale = Corte Suprema) . Domenica mattina, a cavallo, Jair Bolsonaro partecipa a un atto che richiede l’intervento militare anziché quello della Corte suprema.

 

Leggo ora la dichiarazione  del coraggioso decano dell’STF, il ministro Celso de Mello, che paragona il Brasile di questo momento alla Germania di Hitler e afferma che i bolsonaristi vogliono instaurare una abile dittatura. Il Decano allude al film di Ingmar Bergman, “L’uovo del serpente” (1977), che ritrae le origini dell’instaurazione  del nazismo in Germania.

 

Ora, Adorno  nei suoi saggi di psicologia sociale e psicoanalisi, ha esaminato alcuni aspetti della propaganda fascista, sottolineando che di solito questa viene personalizzata glorificando l’azione, la religione e il patriottismo, offrendo alle masse il soddisfacimento dei loro desideri e principalmente, nonostante la sua logica distorta e fantastiche alterazioni, tutto è pianificato e organizzato consapevolmente. L’agitatore fascista, dice Adorno, è di solito un esperto venditore dei propri difetti psicologici, con l’obiettivo di creare un’identificazione  inconscia con  i suoi seguaci. È caratteristico dei demagoghi fascisti vantarsi di essere stati eroi atletici in gioventù. I tipici leader fascisti sono spesso chiamati isterici, ma il fatto è che agiscono in modo vicario per i loro ascoltatori  nel fare e nel dire ciò che vorrebbero, ma non sono in grado o non osano farlo. Hitler, dice Adorno, non fu accettato nonostante le sue stranezze economiche, la sua falsa intonazione e le sue buffonate, ma proprio per questo.

 

Infine, sottolineo l’idea che la distruttività e l’aggressività sono un fondamento psicologico dello spirito fascista. I loro programmi sono astratti e vaghi, le loro soddisfazioni spurie e illusorie, perché la promessa espressa dall’oratoria fascista non è altro che la stessa distruttività.

 

Viviamo in tempi bui e preoccupanti. Da parte mia, penso che tutta questa serie di allusioni al nazismo, così come la successione di atti di spavalderia e aggressività contro giornalisti e stampa, le minacce alla legislatura, alla Corte Suprema, a governatori e sindaci, insieme alla più assoluta indifferenza verso la  tragica realtà della pandemia che minaccia tutti noi, trova una sorprendente somiglianza con le caratteristiche descritte da Adorno sul modo in cui agiscono i regimi fascisti e con il manifesto tempestivo del ministro Celso de Mello.

 

Stiamo vivendo una doppia e terribile minaccia. Da un lato, l’orrore di Covid-19 e la smobilitazione da parte del governo del Ministero che coraggiosamente lo ha affrontato e gli attacchi ai governatori e ai sindaci che lottano con le risorse a loro disposizione. D’altra parte, il virus del fascismo, che mostra spudoratamente di più, ogni giorno, il suo volto sinistro e minaccioso verso la democrazia.

 

Vi è una crescente mobilitazione nazionale, con tutti i mezzi disponibili, e soprattutto le differenze tra i partiti, per difendere la nostra democrazia e le nostre istituzioni. Questo è il momento, come è stato sottolineato in numerose dimostrazioni in questo Osservatorio Psicoanalitico, dove tutti dobbiamo alzare la voce in difesa dei valori umani ed etici che sono  minacciati, senza i quali corriamo il rischio di rivivere gli orrori Nazismo e fascismo.

 

(I testi pubblicati sono di responsabilità dei loro autori).
I saggi sono anche pubblicati sul sito Web di Febrapsi: https://www.febrapsi.org/observatorio-psicanalitico/

Claudio Laks Eizirik è uno psicoanalista brasiliano, è stato Presidente della International Psychoanalytical Association (IPA)