Consigliati da Gabriella Giustino

gabriella giustinoValeria Parrella (2014)

Tempo d’imparare
Einaudi

Valeria Parrella è nata nel 1974, vive a Napoli. Per Einaudi ha pubblicato i romanzi Lo spazio bianco (2008), da cui Francesca Comencini ha tratto l’omonimo film, Lettera di dimissioni (2011) e Tempo di imparare (2014). Per Rizzoli ha pubblicato Ma quale amore (2010), di prossima ripubblicazione.
Trama: Una giovane donna di nemmeno quarant’anni, una ragazza napoletana coi ricci che trasforma il dolore in bellezza. Una scugnizza sciamana che parla la lingua dei segni e coi segni descrive a chi non sente, mostra a chi non vede. Scava, con le parole, fin dove la spiaggia torna acqua, trova sgrammaticature che scivolano fin dentro la scatola nera, quella che per prudenza per pudore per istinto non apriamo mai. E invece, ad aprirla, guarda la luce che c’è. Cuce un vestito nuovo da uno scampolo strappato, da qualcun altro buttato via, lo fa con precisione e d’urgenza. Con una certa fretta di dire in modo esatto.
Non esiste purtroppo un premio Strega che si vinca così, per manifesta superiorità. Pazienza. Bisogna fregarsene dei premi, quelli vanno come vanno. La trama non è così importante, essendo la materia prima del romanzo la vita stessa. È un pretesto, letteralmente. (Concita De Gregorio)

Raffaele La Capria (2013)
Umori e malumori
Ed. Nottetempo

“In tempi in cui la complicazione viene confusa con l’intelligenza, e sembra più profonda della semplicità, io ho scelto per me ‘lo stile dell’anatra’ della leggerezza che non mostra lo sforzo che si fa per ottenerla – tenendo sempre presente che semplicità non è semplificazione, e vale solo dopo aver sbrogliato il gomitolo della complessità”.
Le brevi prose di “Umori e malumori” raccontano l’Italia dei nostri giorni, della politica aberrante, della falsa-buona letteratura, il paese dello stato d’emergenza, in cui anche i numeri diventano, a seconda dell’opportunità, di destra o di sinistra. Tra pensieri vaganti e sorrisi infuriati, La Capria propone una galleria di stati d’animo, il diario intimo di un intellettuale che reagisce, come il gatto della copertina, alle provocazioni che lo stato delle cose nel nostro paese quotidianamente gli offre.

Paul Williams (2014)
Il quinto principio
Ed. Mimesis

Un’opera teorica scritta in forma di diario. Un romanzo psicanalitico che racconta il rapporto con un bambino speciale e terrorizzato. I due protagonisti usciranno dalla prigione comune di un dialogo privilegiato, con uno scatto d’irriverenza. Finalmente onesti, con sé e con il mondo, senza paura di scandalizzare, senza paura di morire.

Cristina Comencini (2014)
Lucy
Feltrinelli

“È stata mia moglie, l’ho scelta bene, una donna complicata, difficile come diceva mio padre, ma nuova. E se qualcuno scriverà la nostra storia, potrà dire di me: non ha avuto paura di amarla.”.
Trama: Sara è un’antropologa e la passione scientifica l’ha spesso tenuta lontano dalla famiglia. Franco, che pure l’ha molto amata, ha infine scelto una donna più stabile, più confortevole. I figli hanno conquistato a poco a poco una sufficiente autonomia: Matilde è docile, apprensiva, presentissima al mondo, vorrebbe prendersi cura di tutti e specialmente di Sara; Alex fa l’antropologo come la madre, ma in Canada, con lei oscilla tra aggressività e indifferenza. Un giorno però Sara se ne va, sparisce. Lascia una lettera, nient’altro. Franco, in attesa della spiegazione che gli è stata annunciata, ripercorre le tappe di un matrimonio che non è mai finito. Alex e Matilde, lontani, si parlano e riannodano i legami dell’infanzia, ricordano il dolore della separazione. Sara intanto vive in un tempo diverso dal loro. Sembra guardarli dall’alto di un passato che è il suo, ma è anche il passato di tutti. Lontana eppure vicina come mai prima – la sua fuga si colma progressivamente di senso e di umana magia. Cristina Comencini scrive con straordinaria ricchezza di accenti la storia di una donna che vuole guardare nel mistero dell’esistere, nei segni che i destini generali lasciano nel cerchio delle famiglie, dentro le rovine che anticipano in realtà una storia nuova.