Adolescenza/comportamenti trasgressivi e antisociali

adolescantisocA cura di Cristina Saottini 

Foto d’archivio

I comportamenti trasgressivi e antisociali degli adolescenti sono una grande fonte di preoccupazione per gli adulti (genitori, insegnanti, educatori). La risposta del mondo adulto a questi comportamenti è spesso allarmata, condizionata da pregiudizi e tentata da reazioni repressive che non solo sono inefficaci, ma spesso controproducenti. Sulla base delle conoscenze derivanti dagli ultimi decenni di ricerca sulla trasgressività adolescenziale è invece possibile impostare un intervento efficace, in grado di sconfiggere il pessimismo degli scorsi anni.

Gli adolescenti sono naturalmente trasgressivi e l’equazione tra adolescenza e trasgressività è stata da sempre riconosciuta. Può pertanto essere particolarmente difficile distinguere le situazioni in cui la trasgressività e l’aggressività sono al servizio della crescita e dell’acquisizione di un’identità sociale e quelle in cui all’opposto sono l’espressione di una tendenza antisociale o l’inizio di una vera e propria carriera delinquenziale.

L’opacità delle motivazioni, la percezione di una mancanza di alternative decisionali, l’agire d’impulso, l’effetto di contagio deresponsabilizzante del gruppo, la scarsa empatia, la minimizzazione del significato trasgressivo o aggressivo del comportamento, sono tutti tratti che spesso si ritrovano nei ragazzi che commettono reati e nella valutazione iniziale può essere difficile dire quanto siano l’espressione di tratti di personalità stabili, a specifiche condizioni del momento o siano piuttosto da attribuire ad una dinamica evolutiva.

Le trasgressioni tipicamente adolescenziali riguardano le fughe da casa, il consumo di sostanze, l’appropriazione di oggetti, i furti, le risse o gli atti vandalici; azioni spesso compiute in un clima concitato ed eccitato, in coppia o in un piccolo gruppo, in un contesto ludico e di evasione.

Nella prima parte dell’adolescenza, intorno ai 12-14 anni, sono più frequenti gli atti di vandalismo e le aggressioni, mentre dai 15-16 anni aumentano il furto e le rapine e le trasgressioni che hanno a che fare con il consumo o lo spaccio di droga.

Anche il contesto sociale è determinante nell’emergere della trasgressività, in quanto contribuisce, attraverso la definizione di valori sociali condivisi, a stabilire ciò che è permesso o proibito, ponendo di fatto i limiti il cui superamento costituisce appunto una trasgressione, il cui valore può variare molto in base alla cultura o alla subcultura di riferimento.

Intervenire in modo efficace con gli adolescenti trasgressivi ha una valenza anche dalla prospettiva delle politiche sociale e del welfare.

La commissione di un reato è un gesto a forte rilevanza simbolica a cui va riservata una corretta lettura per poter comprendere le ragioni del disagio dell’adolescente ed evitare così che si trasformi in un punto di non ritorno verso la delinquenza minorile.

Una prospettiva psicologica e più specificamente, psicoanalitica è fondamentale per interpretare per riconoscere l’appello che il comportamento antisociale rivolge agli adulti. L’individuazione del senso comunicativo del comportamento trasgressivo è, infatti, la premessa indispensabile per una risposta efficace da parte del mondo adulto. Una risposta che deve superare la dicotomia tra la “cura” di un disturbo e la “punizione” di un gesto deviante e che deve porsi piuttosto al servizio di un percorso di crescita che altrimenti rischia di vedere nel gesto trasgressivo un muro invalicabile.

Novelletto (1986) racconta come abbia sempre cercato di sottrarsi ad una spiegazione sociologica dell’antisocialità in adolescenza, concependo il reato come espressione di una fantasia di recupero maturativo, equivalente ad una sorta di “delirio maturativo”, una concezione evidentemente molto lontana da una visione sociologica. In questa prospettiva vicina alla concezione di Winnicott della tendenza antisociale, un reato è un’azione simbolica, che ha lo scopo di superare un blocco maturativi, la manifestazione di un aspetto del Sé che non riesce ad esprimersi in altro modo.

Questa concezione è sintonica con quella di Senise (1990). In entrambi i casi l’accento è posto sul concetto di Sé come un particolare oggetto interno, che si costruisce progressivamente e che in adolescenza si rende progressivamente consapevole. Il concetto di individuazione, avvicinabile a quello di soggettivazione (Cahn, 1998) descrive il processo che consente la costituzione soggettiva dell’identità. E’ difficile capire bene le distinzioni tra i diversi concetti che descrivono questo processo. Da una parte, infatti, si può ritenere che sia l’Io a costruire rappresentazioni di Sé come oggetto, in modo quindi sostanzialmente riflessivo e consapevole. Dall’altra tuttavia è possibile pensare che vi sia anche un modo preriflessivo di costruzione del Sé in adolescenza, come mostrano tra l’altro le trasformazioni dei riti iniziatici. Vi sarebbe quindi una coscienza primaria, o coscienza affettiva, prima di una coscienza riflessiva.

In queste concezioni, l’accento non è posto quindi su un problema di controllo pulsionale e nemmeno su un problema relazionale, ma sulla mancanza di un senso di Sé in quanto adolescente, che si costituisca come contenitore di senso per il comportamento (Giaconia, 2005). L’antisocialità in questa prospettiva è un blocco nell’acquisizione di un’identità sociale, che da un punto di vista psicologico può essere intesa come acquisizione di un senso di Sé dotato di valore. Molti romanzi per adolescenti descrivono questo passaggio, per esempio attraverso la scoperta di un tesoro, che dà un nuovo valore al soggetto, che molte volte è legato ad un ritrovamento di un’eredità familiare, un processo che Blos ha descritto attraverso un’analisi della dinamica identificatoria dell’adolescente con il genitore dello stesso sesso.

Il problema è come sia possibile aiutare l’adolescente a superare questo blocco evolutivo. In un modo che può apparire paradossale, nella prospettiva di Senise e Novelletto, il processo di soggettivazione che supera il blocco evolutivo sarebbe attivato non tanto attraverso lo sviluppo di una funzione riflessiva volta ad aumentare l’autoconsapevolezza, ma attraverso un intervento che assegna un ruolo centrale al rapporto con l’ambiente. Questa prospettiva implica che la costruzione del Sé in adolescenza è in primo luogo una funzione della relazione dell’adolescente con l’ambiente di sviluppo, come se il Sé si costruisse nella relazione di rispecchiamento con il contesto e non solo attraverso una riflessione o rispecchiamento nel mondo interno dell’adolescente, un processo che Jeammet (1992) descrive attraverso il concetto di uso soggettivo dell’ambiente.

Il cambiamento avviene attraverso nuovi investimenti di senso nelle relazioni tra il soggetto e i suoi oggetti, Le indicazioni di intervento possono essere molteplici proprio perché all’adolescente la realtà esterna offre opportunità di nuovi investimenti: trattamenti psicoterapeutici, pedagogici, psicopedagogici, farmacologici, scelta o cambiamento di scuola, attività extrascolastiche, attività sportive, ridefinizione degli spazi familiari, allontanamento dal nucleo familiare.

L’importanza dell’ambiente terapeutico è sottolineata anche da Novelletto, Biondo e Monniello (2000), per i quali nel comportamento antisociale l’adolescente si rende conto di non avere qualcosa che gli serve per lo sviluppo e cerca un ambiente di soccorso alternativo a quello naturale, anche attraverso un comportamento di sfida. In una prospettiva psicoanalitica questa funzione ambientale non si riduce ad un intervento educativo comportamentale perché l’ambiente non svolge solo con funzioni, ma fornisce rappresentazioni, è un luogo che l’adolescente può riempire di significati (Maggiolini, 2006; Novelletto, Biondo e Monniello, 2000).

Il sistema penale minorile in Italia è molto centrato sulla valutazione della personalità degli adolescenti che commettono reati e sulla valutazione delle risorse delle famiglie nel sostenere il loro cambiamento. Attraverso la misura della Messa alla Prova viene proposto un sistema di prescrizioni atte a favorire la ripresa del loro percorso evolutivo e la valorizzazione della capacità di assumere responsabilità rispetto al proprio comportamento. L’impegno e la capacità nel portare bene a termine un percorso che comprende interventi di riparazione attraverso attività socialmente utili, la ripresa dell’attività scolastica o lavorativa, il monitoraggio sull’uso delle sostanze stupefacenti e percorsi psicoterapeutici ed educativi, consente non solo l’estinzione del reato ma soprattutto la ripresa di uno sviluppo adolescenziale maturo.

Gli adolescenti e i giovani delinquenti cronici, quelli cioè che tendono a commettere ripetutamente reati, vanno dal 3 al 6% di coloro che commettono reati, una percentuale particolarmente bassa. La maggior parte dei denunciati, infatti, ha pochi arresti, ma i pochi che sono recidivi sono responsabili di un’alta percentuale di reati.

Fino agli inizi degli anni Settanta era diffuso il pessimismo sulla possibilità che la delinquenza potesse essere trattata in modo efficace (Martison, 1974). Questa convinzione si è modificata negli ultimi decenni, poiché le ricerche meta-analitiche hanno stimato un’efficacia complessiva nell’ordine del 10-30%, con un risparmio di circa sette volte tanto per ogni euro investito nel trattamento di un adolescente autore di reato, se paragonato al costo per la comunità di una carriera delinquenziale (Losel, 2010; Koehler et al. 2011).

Nel contesto italiano, le ricerche sull’applicazione della messa alla prova confermano la possibilità di modificare il precedente pessimismo rispetto all’efficacia dell’intervento penale: i dati disponibili sulla messa alla prova indicano che l’81.9% dei progetti trattamentali si concludono con un esito positivo (Mordeglia, Piras2011), dato che risulta abbastanza stabile nell’ultimo decennio con un lieve aumento nella tendenza storica per quanto riguarda le pronunce favorevoli (+1.2%; Bartolini, 2011) e che mostra l’efficacia di questo tipo di misura, nonostante la discutibilità giuridica della sua formulazione, che in qualche modo rischia di ridurre le garanzie del minore, che per certi aspetti rinuncia al diritto di difesa (Cesari, 2011). Vi è inoltre una riduzione del numero di condanne a esito di messa alla prova non favorevolmente concluse, che passano dall’8.9% del 2008 al 6%. Sebbene non siano presenti ancora studi longitudinali di follow-up che consentirebbero di stimare in modo preciso quanti ragazzi a seguito di una messa alla prova favorevole commettono altri reati, un dato incoraggiante da questo punto di vista è relativo al fatto che gli studi sulla recidiva (sugli adulti così come sui minori) sono concordi nel ritenere infondata la tesi secondo la quale l’incremento di progetti alternativi alla detenzione porterebbe ad un aumento di soggetti in libertà in grado di delinquere; al contrario, le misure alternative conducono ad un tasso di recidiva statisticamente e significativamente più basso di quello riscontrabile a seguito di condanne o di pene detentive (20% vs 68%).

Bibliografia

 

Aichorn A. (1951) Gioventù disadattata. Roma: Città nuova, 1978. Seconda conferenza: Analisi di un sintomo, pp. 23-45.

Aliprandi M., Pelanda E., Senise T., (1990), Psicoterapia breve di individuazione. La metodologia di Tommaso Senise nella consultazione con l’adolescente. Feltrinelli, Milano.

Alvarez A. (1997) Chi esercita quali violenze, tecniche diverse per diversi tipi di violenza. Atti del convegno  Le vittime e gli autori della violenza, Torino.

Bartolini B. (2011), La messa alla prova del minore. Art. 28 d.P.R. 448/88. Exeo Editore

Bleiberg E. (2001) Il trattamento dei disturbi di personalità nei bambini e negli adolescenti. Roma: Fioriti, 2004.

Blos P. (1979), L’adolescenza come fase di transizione, Armando, Roma 1988.

Blos P. (1991) Il ruolo del padre originario nello sviluppo adolescenziale maschile. In Greenspan S. I., Pollock G. H. (1991) (a cura di) Adolescenza. Roma: Borla, 1997, pp. 11-27.

Cahn R. (1998) L’adolescente nella psicoanalisi. L’avventura della soggettivazione Borla, Roma, 2000.

Cahn R. (2002) La fine del divano? Roma, Borla, 2004.

Cesari C. (2011). “Trasferire la messa alla prova nel processo penale per adulti: condizioni e limiti di una riforma possibile”. In MORDEGLIA, S., MASTROPASQUA I., (a cura di), Esperienze di probation in Italia e in Europa (pp. 151-156). Quaderni dell’osservatorio sulle devianza minorile in Europa. Dipartimento per la giustizia minorile, Centro Europeo di studi di Nisida. Gangemi Editore.

Eissler K.R. (1953) The effect of the structure of the Ego on psychoanalytic technique. J. Amer.

Psychoanal. Assn, 1, 104-143. tr it. in Genovese C. (1988) (a cura di) Setting e processo psicoanalitico. Milano: Raffaello Cortina.

Eissler K.R. (1958) Notes on problems of technique in the psychoanalytic treatement of adolescent. With some remarks on perversion. Psychoanal. St. Child, 13, 223-254.

Giaconia G. (2005)  Criminalità e adolescenza. In Giaconia G. (a cura di) Adolescenza e etica.

Monografie della Rivista di Psicoanalisi. Borla, Roma

Jeammet P. (1992) Psicopatologia dell’adolescenza. Borla, Roma.

Jeammet P. (1997) Violence à l’adolescence, Adolescence, 30.

Kernberg  O. (1997) La diagnosi delle patologie narcisistiche in adolescenza. In Pissacroia M. (1997) Trattato di psicopatologia dell’adolescenza Piccin, Padova.

Kernberg O. (1999) Psicodinamica e gestione psicoterapeutica dei transfert paranoide, psicopatico e narcisistico. Adolescenza, 10.

Koelher J.A., et al (2011) “The Effectiveness of Treatment Programmes to Reduce Juvenile Reoffending in Europe: A Systematic Review and Meta-Analysis” Paper presented at the annual meeting of the ASC Annual Meeting, Washington Hilton, Washington, DC

Loesel F. (2010) What Works in Reducing Reoffending: A Global Perspective. First European Seminar of the STARR Project, Cambridge, UK

Maggiolini A. (2014) (a cura di) Senza paura senza pietà Raffaello Cortina Milano

Maggiolini A., Pietropolli Charmet G. (2004) (a cura di) Manuale di psicologia dell’adolescenza: compiti e conflitti. F. Angeli, Milano

Maggiolini A. Saottini C. (2009) L’intervento psicoanalitico con gli adolescenti antisociali nel contesto istituzionale.  In Essere adolescenti oggi (a cura di) S. Bonfiglio, R. Goisis Quaderni del Centro Milanese di Psicoanalisi

Martinson R. (1974) What works? Questions and answers about prison reform. The public interest, 10, 22-54.

McGuire J. (ed.) (1995) What works: reducing reoffending. Guidelines from research and practice. John Wiley and Sons. Chichester.

Meltzer D., Harris M. (1981) Psicopatologia dell’adolescenza, Borla, Roma.

Moffitt A. (2003), Life-course persistent and adolescent-limited antisocial behavior: a 10-year research review and a research agenda, in Lahey B.B., Moffitt T.E., Caspi A. (2003) cit.

Mordeglia S., Piras, M.L. (2011), “La messa alla prova: elementi di forza, criticità e ipotesi di sviluppo. Rielaborazione critica di contributi di casi e buone prassi”. In Mordeglia S., Mastropasqua I. (a cura di). Esperienze di Probation in Italia e in Europa. Quaderni dell’osservatorio sulla devianza minorile in Europa. Dipartimento per la Giustizia Minorile. Centro Europeo di Studi di Nisida. Gangemi, Roma.

Novelletto A. (1986) Psichiatria psicoanalitica dell’adolescenza. Roma: Borla.

Novelletto A., Biondo D., Monniello G. (2000) L’adolescente violento. Riconoscere e prevenire l’evoluzione criminale. F. Angeli, Milano.

Person E.S., Cooper A., Gabbard G.O. (2005) Psicoanalisi. Teoria, clinica, ricerca. Raffaello Cortina: Milano

Redl F. (1966), Il trattamento psicologico del bambino. Boringhieri, Torino 1977.

Richard F., Wainrib S. (2006) La subjectivation. Paris: Dunod.

Rutter M., Giller H., Hagell A. (1998) Antisocial behavior by young people. Cambridge University Press.

Saottini C. (1999) Molestie sessuali e adolescenza. Adolescenza, 10, 1, 40-52.

Saottini C. (2002) – Sostegno alla ripresa evolutiva in un gruppo di adolescenti. La funzione del gruppo omogeneo a tempo limitato nel contesto istituzionale penale Gruppi 1,  85-99.

Senise T. (1990) La rappresentazione del Sé e i processi dei separazione/individuazione nell’adolescente. In Aliprandi M., Pelanda, E., Senise T. Psicoterapia breve di individuazione. Milano: Feltrinelli, pp. 31-45.

Winnicott D.W. () La delinquenza come sintomo di speranza. In Feinstein S.C., Giovacchini P.L., Psichiatria dell’adolescente. Roma, Armando, 1989, pp. 137-144.

 

Marzo 2015

Vedi anche:

Dibattito su: “L’Adolescente e il suo Corpo” a cura di F. Carnaroli e A. Nicolò

Senza paura, senza pietà. Valutazione e trattamento degli adolescenti antisociali. Recensione di Cristina Saottini

 

Vedi anche: