Corriere della Sera. 8 febbraio 2018. Recensione a “Il disagio del desiderio” di P. Marion

CORRIERE DELLA SERA    8 FEBBRAIO 2018

PSICOLOGIA: DALLA TRADIZIONE FREUDIANA ALLE SFIDE DI OGGI, IL SAGGIO DI PAOLA MARION

LA TECNOLOGIA HA SCONNESSO PERSINO IL TRIANGOLO DI EDIPO

INTRODUZIONE:  la recensione è  di Silvia Vegetti Finzi sul Corriere della Sera.  Il libro  è quello di Paola Marion “Il disagio del desiderio”, ed. Donzelli, con un’introduzione di Giuliano Amato. Nel testo, dopo una prima parte storica, Marion  illustra i rischi dell’uso sfrenato della tecnologia e esprime la preoccupazione che le “vertigini biotecnologiche” trasformino  il nostro mondo senza che cautelativamente se ne prevedano i  possibili pericolosi risvolti psicologici e etici. (Silvia Vessella) 

CORRIERE DELLA SERA    8 FEBBRAIO 2018

Silvia Vegetti Finzi

Nel secolo scorso due avvenimenti epocali hanno infranto il paradigma della procreazione umana: la sessualità si è resa autonoma dalla generazione e, successivamente, la procreazione si e disgiunta dalla sessualità. Si tratta di profonde infrazioni nella concezione che abbiamo di noi stessi, dei rapporti con gli altri, con la natura, la società, l’etica e la storia. Ma, come accade per i traumi più gravi, abbiamo preferito rimuoverli o minimizzarli considerandole come forme di liberazione o interventi terapeutici. Solo in un secondo tempo, nell’après coup che separa il trauma dalla sua elaborazione, è iniziato quel lento, doloroso processo di consapevolezza che porta a valutare le conseguenze reali e fantastiche, oggettive e soggettive di quanto è accaduto fuori e dentro di noi, come si ripromette il saggio della psicoanalista Paola Marion, “Il disagio del desiderio”, pubblicato da Donzelli.

Si tratta di un libro tanto opportuno quanto esauriente, rivolto non solo agli addetti ai lavori ma a tutti, perché nessuno può considerarsi indifferente rispetto ai quesiti che questa epoca ci pone.

Invitando il lettore ad affrontare un ambito così mobile e complesso, Paola Marion fornisce, nella prima parte del libro, le competenze storiche e teoriche necessarie per seguirla in un’esplorazione psicoanalitica appassionante e innovativa. Poiché le biotecnologie procedono espellendo il sesso dalla procreazione, la sua ricerca prende le mosse proprio dalla sessualità che la psicoanalisi aveva posto al centro della vita biologica e psichica. Integrando la teoria freudiana, che privilegia la pulsione, con quella post- freudiana, che sottolinea gli aspetti relazionali della sessualità, l’autrice appronta un dispositivo teorico e clinico particolarmente idoneo a cogliere la complessità dei mutamenti in atto. Primo tra i quali la disintegrazione del triangolo edipico (formato da padre, madre, figlio), gravato, come effetto delle biotecnologie, da un eccesso di protagonisti. Nella gravidanza indotta con dono di gameti e condotta per conto terzi, ad esempio, le madri possono essere tre:

genetica, portante, committente.

La «vertigine tecnologica» tende ad annullare i limiti e le differenze tra le generazioni, i sessi e le posizioni. È possibile generare da soli, con partner dello stesso sesso, dopo l’età feconda, post mortem e così via.

Ma queste soluzioni impreviste pongono richieste psicologiche ed etiche sempre più impegnative. Il comprensibile desiderio di prolungare la propria vita si può trasformare in un bisogno necessario e insopprimibile che conduce a una pericolosa coazione a ripetere.

Cecità

Viannis Tzermias (Heraklion, Grecia, 1954), Edipo (olio su tela, particolare), courtesy dell’artista. L’opera è stata esposta nel 2012 nella mostra Oedipus. Reflections after Blindness al Museo d’Arte contemporanea di Creta

L’autrice conclude la sua discesa verso le profondità della psiche con un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri.

Lo stesso che, in una magistrale introduzione, esprime Giuliano Amato, preoccupato che uno sviluppo illimitato delle nostre potenzialità trasformative possa «creare intorno a noi un contesto nel quale non siamo più in grado di riconoscerci». Dietro le neutrali finalità terapeutiche della fecondazione medicalmente indotta si cela un ventaglio di desideri e di possibilità che minacciano, tra l’altro, l’interesse prioritario del nascituro. Ma, prima di affidare al legislatore il compito di dirimere una materia così intricata e sfuggente, Amato chiede a tutte le componenti della società di interrogarsi e di confrontarsi in una dimensione etica perché «è solo l’etica che può entrare nelle coscienze e qui dettare, quando serve, il comando giusto».

Vedi anche: