Cultura e Società

Biancaneve

21/05/12

 

Regia di Tarsem Singh, USA 2012

{youtube}40gEF_ubpsM{/youtube}

 Giudizio: 3/5 ***

 Genere: commedia, fantastico

Recensione: La nota favola di Biancaneve mantiene l’impianto classico originario, ma sapientemente arricchito e deformato da ironici travestimenti postmoderni. E’ la Regina la vera protagonista, con la sua tragica e sconfinata vanità narcisistica (Mirror, Mirror), il delirio onnipotente e l’indifferenza per l’altro. In lotta col passare degli anni sulla sua pelle, ben incarna l’idolatria moderna per la giovinezza e il Potere ad ogni costo, con l’inevitabile deriva finale. Uno spettacolo per tutti: diverte i bambini, fa sorridere e pensare gli adulti….

Perché andare o meno a vedere il film?: Molto bene interpretato e confezionato (malgrado forse un certo eccesso di effetti in 3D), è un intelligente e solo apparentemente leggero tentativo di declinare l’eterno archetipo della favola negli affetti umani dell’oggi: avidità, narcisismo patologico, ma anche speranza nella bontà e nel coraggio personale. Gustosissima la parodia del maschio contemporaneo ridotto a cagnolino obbediente, il neanche troppo velato riferimento alla politica di oggi, e una vena protofemministica che vede la piccola Biancaneve in grado assai bene di cavarsela da sè.

La versione dello psicoanalista: Cosa intende il Mereghetti quando scrive che il film “si colloca a cavallo tra Jung e Freud”? Forse che alla forza primigenia degli archetipi, si associa qui, in un buon mélange, l’ambivalenza delle pulsioni umane meno nobili: è la fatale fragilità del rispecchiamento narcisitico il cuore vero della favola-film. E meglio lo si sarebbe colto mantenendo l’originalità del titolo: Mirror, Mirror (Specchio, specchio….).

Chi ha letto questo articolo ha anche letto…

"Annette" di L. Carax. Recensione di A. Meneghini

Leggi tutto

"The French Dispatch" di W. Anderson. Recensione di A. Meneghini

Leggi tutto