Huffington blog 3/04/20 La quarantena e la sua eredità. A. Ferruta

Huffington blog 3/04/20 La quarantena e la sua eredità. A. Ferruta

Huffington blog 3/04/2020

La quarantena e la sua eredità nelle nostre vite.

(di Anna Ferruta)

Huffington blog

3 aprile 2020

Introduzione: “Per il momento egli voleva fare come tutti coloro che avevano l’aria di credere, intorno a lui, che la peste può venire e andarsene senza che il cuore dell’uomo ne sia modificato” (Albert Camus)

Cosa succederà quando  tutto sarà finito? In attesa del “dopo” speranze e paure investono il nostro futuro, tra il desiderio di ritornare a vivere come prima e la paura che nulla sarà più lo stesso.(Maria Antoncecchi)

 

Anna Ferruta è psicoanalista Full Member AFT della Società Psicoanalitica Italiana e dell’International Psychoanalityc Association.

Huffington blog

3 aprile 2020

La quarantena e la sua eredità nelle nostre vite.

(di Anna  Ferruta)

Vai all’articolo

Vedi anche:

Huffington blog 1/10/20 Gli spazi abitativi ai tempi del Covid-19 C. Schinaia  

Huffington blog 5/9/20 La fobia della scuola di F. De Masi

Huffingtonblog 31/8/20 E. M. Izzo La rivoluzione incompiuta di Franco Basaglia

Huffington blog 8/7/2020 Inguaribili speranze R. Corsa

Huffington blog 11/06/20 L’incertezza della contemporaneità. C. Brosio

Huffington blog 1/06/20 Pandemia e piacere dell’isolamento. G. Giustino

Huffington blog 15/05/20 L’altro ci angoscia ma l’altro siamo anche noi stessi A. Baldassarro

Huffington blog 4/05/20 Sulla soglia della fase due, il diritto ad aver paura G. Saraò

Huffington blog 28/04/20 Ciò che ci rende umani, malgrado tutto A. Falci

Huffington blog 24/04/20 Umano/disumano. Verso quale forma di umanità? L. Preta

Huffington blog 21/04/20 La Psicoanalisi a “distanza sociale” C. Saottini

Huffington blog 19/4/20 Distanziamento sociale può trasformarsi in malessere. R. Jaffè

Huffington blog 14/04/20 In viaggio con il virus. A. M. Nicolò

Huffington blog 9/04/20 Il dovere di un medico G. Meterangelis

Huffington blog 1/04/20 Il ritorno dell’umana fragilità. F. De Masi

Vai alla pagina della SPI sull’Huffingtonpost